classes ::: author,
children :::
branches ::: Mozi
see also :::

Instances - Definitions - Quotes - Chapters - Wordnet - Webgen


object:Mozi
class:author

--- WIKI
Mozi ( ; Latinized as Micius ; c. 470 c. 391 BC), original name Mo Di, was a Chinese philosopher who founded the school of Mohism during the Hundred Schools of Thought period (early portion of the Warring States period of c.475221 BC). Mozi contains material ascribed to him and his followers. Mozi taught that everyone is equal in the eyes of heaven. He believed that those in power should be based on meritocracy, or those who are worthy of power should receive power. Mozi invokes heaven and calls on the Sage Kings to support his precedents. Born in what is now Tengzhou, Shandong Province, he founded the school of Mohism that argued strongly against Confucianism and Taoism. His philosophy emphasized universal love, social order, the will of heaven, sharing, and honoring the worthy. During the Warring States period, Mohism was actively developed and practiced in many states but fell out of favour when the legalist Qin dynasty came to power in 221 BC. During that period, many Mohist classics are by many believed to have been ruined when the emperor Qin Shi Huang supposedly carried out the burning of books and burying of scholars. The importance of Mohism further declined when Confucianism became the dominant school of thought during the Han Dynasty, until mostly disappearing by the middle of the Western Han dynasty. Mozi is referenced in the Thousand Character Classic, which records that he was saddened when he saw dyeing of pure white silk, which embodied his conception of austerity (simplicity, chastity). The concept of Ai () was developed by the Chinese philosopher Mozi in the 4th century BC in reaction to Confucianism's benevolent love. Mozi tried to replace what he considered to be the long-entrenched Chinese over-attachment to family and clan structures with the concept of "universal love" (jin'i, ). In this, he argued directly against Confucians who believed that it was natural and correct for people to care about different people in different degrees. Mozi, by contrast, believed people in principle should care for all people equally. Mohism stressed that rather than adopting different attitudes towards different people, love should be unconditional and offered to everyone without regard to reciprocation, not just to friends, family and other Confucian relations. Later in Chinese Buddhism, the term Ai () was adopted to refer to a passionate caring love and was considered a fundamental desire. In Buddhism, Ai was seen as capable of being either selfish or selfless, the latter being a key element towards enlightenment.

questions, comments, suggestions/feedback, take-down requests, contribute, etc
contact me @ integralyogin@gmail.com or
join the integral discord server (chatrooms)
if the page you visited was empty, it may be noted and I will try to fill it out. cheers


OBJECT INSTANCES [0] - TOPICS - AUTHORS - BOOKS - CHAPTERS - CLASSES - SEE ALSO - SIMILAR TITLES

TOPICS
SEE ALSO


AUTH

BOOKS
Infinite_Library

IN CHAPTERS TITLE

IN CHAPTERS CLASSNAME

IN CHAPTERS TEXT
1.pbs_-_Peter_Bell_The_Third

PRIMARY CLASS

author
SIMILAR TITLES
Mozi

DEFINITIONS

Mozilla
The {open source} {web
browser}, designed for standards-compliance, performance, and
portability, whose development is coordinated by the {Mozilla
Foundation}.
The Mozilla project started in March 1998 when {Netscape
Communications Corporation} released the {source code} of
{Netscape Communicator}. The now abandoned version based on
that code is referred to as "Mozilla Classic". Since then,
much has been rewritten, including the layout engine, the
networking library, and the front-end.
Mozilla 1.0 was finally released on 2002-06-05. Much of the
code was used to build {Firefox}.
Although a lot of Mozilla code is under the original Netscape
Public License, some parts of the code are under the Mozilla
Public License or dual MPL/GPL.
"Mozilla" was the original project code name for {Netscape
Navigator} and, according to some of the documentation, the
correct pronunciation of "Netscape".
[Derived from "{Mosaic} killer/Godzilla"?]
(2005-01-26)


Mozilla Foundation ::: (body, World-Wide Web, open source) The body set up by Netscape in January 1998 to coordinate development of the Mozilla browser and to provide a point of contact. .(2005-01-26)

Mozilla Foundation
The body set up by
{Netscape} in January 1998 to coordinate development of the
{Mozilla} browser and to provide a point of contact.
{Mozilla Home (http://mozilla.org/)}.
(2005-01-26)


Mozilla Public License
{open source license}


Mozilla ::: (World-Wide Web, open source) The open source web browser, designed for standards-compliance, performance, and portability, whose development is coordinated by the Mozilla Foundation.The Mozilla project started in March 1998 when Netscape Communications Corporation released the source code of Netscape Communicator. The now abandoned has been rewritten, including the layout engine, the networking library, and the front-end.Mozilla 1.0 was finally released on 2002-06-05. Much of the code was used to build Firefox.Although a lot of Mozilla code is under the original Netscape Public License, some parts of the code are under the Mozilla Public License or dual MPL/GPL.Mozilla was the original project code name for Netscape Navigator and, according to some of the documentation, the correct pronunciation of Netscape.[Derived from Mosaic killer/Godzilla?](2005-01-26)



QUOTES [0 / 0 - 143 / 143]


KEYS (10k)


NEW FULL DB (2.4M)

   6 Mitchell Baker
   5 Fabio Volo
   5 Alessandro Baricco
   3 Tiziano Terzani
   3 Piper Vaughn
   3 B la Hamvas
   3 Banana Yoshimoto
   2 Vladimir Nabokov
   2 Stephenie Meyer
   2 Seneca
   2 Rupi Kaur
   2 R J Scott
   2 Nick Hornby
   2 Marcel Proust
   2 J R Ward
   2 Gregory David Roberts
   2 Gregor von Rezzori
   2 Donna Tartt
   2 Bohumil Hrabal
   2 Anonymous

*** NEWFULLDB 2.4M ***

1:Lei era l'emozione della mia giornata. ~ Fabio Volo
2:Pomozi onome koji nosi teret a ne onome
koji ga spušta pored tebe. ~ Seneca
3:The Mozilla Foundation is an independent, nonprofit organization. ~ Mitchell Baker
4:The Mozilla project is big in terms of lines of code and complexity. ~ Mitchell Baker
5:Ed è così emozionante vedere il sogno di qualcuno che si trasforma in realtà ~ Lucy Foley
6:Sono sempre emozionanti, le somiglianze fra donne che non si assomigliano. ~ Marguerite Duras
7:Le emozioni si confondenvano dentro di me, ma la risposta era semplice ~ Jennifer L Armentrout
8:You can get anything from Mozilla Firefox-based themes to nature themes to your own photographs. ~ Mitchell Baker
9:I'd rather use Windows and Internet Explorer in Hell than I'd use Linux and Mozilla Firefox in Heaven! ~ Steve Ballmer
10:I got bitten by the free software bug in February of 1998 around the time of the Mozilla announcement. ~ Andy Hertzfeld
11:L’emozione più antica e più forte dell’uomo è la paura, e la paura
più antica e più forte è quella dell’ignoto. ~ H P Lovecraft
12:[Sharmayne Williams:]...puoi avere tutte le emozioni possibili, ma non devi permettere che siano loro a manovrarti. ~ Daniel Goleman
13:Tess Durbeyfield, in quell'epoca della sua vita, era solo un recipiente di emozioni non ancora colorite dall'esperienza ~ Thomas Hardy
14:Anna parlava allegramente del più e del meno e io tacevo, perché la mia anima non era che un cumulo di emozioni ribollenti. ~ P G Wodehouse
15:Sarà che le emozioni hanno un odore, o un sapore; sarà che le trasmettiamo inconsapevolmente inviando vibrazioni nell'aria. ~ Diane Setterfield
16:they will only implement http2 over TLS: the Mozilla Firefox lead and the Google Chrome lead. Two of the leading web browsers of today. ~ Anonymous
17:Figyeld meg, vannak ilyenek; vörösre bőgik a szemüket a moziban valami gennyes marhaságon, és tízből kilenc a szíve mélyén aljas barom. ~ J D Salinger
18:Le idee sono spesso surrogate dalle emozioni. Sono più dure a morire, resistono meglio al tempo e tanto meglio quanto più sono irrazionali. ~ Gregor von Rezzori
19:Mozi believed that a policy could be called virtuous only if it enriched the poor, prevented pointless death, and contributed to public order. ~ Karen Armstrong
20:Tutti sentono. Tutti pensano. Però non tutti sentono con il pensiero o pensano con l'emozione. Per questo le persone sono molte e gli artisti sono pochi. ~ Fernando Pessoa
21:Per tutte le ragazze dal cuore di marzapane (e intendo proprio tutte le ragazze del mondo. L'emozione è sempre la stessa, a quattordici anni come a quarantuno): ~ Kerstin Gier
22:[…] ezért jobbak látták, ha többé a lábukat se teszik be a moziba: elég nekik a maguk baja, minek sirassák az ilyen képzeletbeli lények kitalált nyavalyáit. ~ Gabriel Garc a M rquez
23:L'unico momento in cui smetteva di odiarsi era quando il rischio era talmente grande da costringerlo ad agire senza pensare e senza provare nessuna emozione. ~ Gregory David Roberts
24:La mia mente andò a tutte le cose che avevo perduto nel corso della vita.
Il tempo passato, le persone morte o mai più riviste, le emozioni che non possono rivivere. ~ Haruki Murakami
25:Tutto sommato trovo stimolanti le emozioni che si provano quando si viene a contatto con modi di pensare diversi dai nostri, ho l'impressione che le mie vedute si amplino. ~ Banana Yoshimoto
26:La vita, ora lo capiva, assomigliava a una canzone. Al principio c'è il mistero, al termine la conferma, ma nel mezzo ci sono le emozioni che arricchiscono l'intera esperienza. ~ Nicholas Sparks
27:Lo raccontò in maniera semplice ma precisa, come un buon soldato rievoca una battaglia, non più col sapore della vittoria o della sconfitta ma unicamente con l'emozione del ricordo. ~ John le Carr
28:La sorpresa è un’emozione difficile da camuffare, sia quando stai cercando di sembrare sorpreso e invece non lo sei, sia quando stai cercando di non sembrare sorpreso e invece lo sei. ~ R J Palacio
29:Imitai lo stile del Boy's Own Paper, sicchè ogni capitolo finiva nel momento più emozionante, con mamma aggredita da un giaguaro o Larry che si dibatteva tra le spire di un enorme pitone. ~ Gerald Durrell
30:Ma se nostalgia significa il ricordo potente di un'emozione forte, e il rimpianto di non ritrovare più sensazioni del genere nella vita, allora mi dichiaro colpevole.
da "Il senso di una fine ~ Julian Barnes
31:Non se ne doveva dedurre che avessero cambiato idea: sarebbe stato in ogni caso troppo faticoso. Una volta deciso, non si cambiava mai, in quella casa, per evidenti ragioni di economia delle emozioni. ~ Alessandro Baricco
32:Gran parte delle persone non lo capiva, ma manifestare le proprie emozioni era pericoloso, come cedere alle tentazioni o alle dipendenze. Permettere a qualcuno di toccarmi nel profondo significava abbassare le difese. ~ Jamie McGuire
33:Ecco cosa amo di noi
la nostra capacità di emozioni
la nostra impavidità verso il crollo
il medicarci le ferite con grazia
il solo fatto d'essere donna
il definirmi
donna
mi rende integra
e completa ~ Rupi Kaur
34:WorldGate offers interactive set-top-box applications. Its customers want to interact with the Web as an adjunct to other things they can do, and WorldGate allows that through the layout engine in Mozilla, called Gecko. ~ Mitchell Baker
35:Volevo il movimento, non un'esistenza quieta. Volevo l'emozione, il pericolo, la possibilità di sacrificare qualcosa al mio amore. Avvertivo dentro di me una sovrabbondanza di energia che non trovava sfogo in una vita tranquilla ~ Leo Tolstoy
36:Sorridi in pubblico, piangi in pubblico, vivi in pubblico, crepa in pubblico. C'era, sui loro visi, un'emozione schietta, atipica per gli attori. Stasera erano al telegiornale. E' la cosa peggiore veder soffrire i propri figli. ~ Angela Carter
37:«No, non hai capito niente, John.» Leggendo le sue emozioni scosse la testa. «Tu non vali la metà del maschio che avresti potuto essere per colpa di quello che ti hanno fatto. Vali il doppio di chiunque altro, perché sei sopravvissuto.» ~ J R Ward
38:Of course, it's hard to support full-time programmers, so we do get funds from a set of companies that are interested in the health of the Mozilla project and so are willing to support the people working for the Foundation as well. ~ Mitchell Baker
39:Ben era il sentimento dell’esilio quel vuoto che portavamo costantemente in noi, quella precisa emozione, il desiderio irragionevole di tornare indietro o invece di affrettare il cammino del tempo, queste due ardenti frecce della memoria. ~ Albert Camus
40:Le persone dolci non sono ingenue né stupide, né tanto meno indifese. Anzi, sono così forti da potersi permettere di non indossare nessuna maschera. Libere di essere vulnerabili, di provare emozioni, di correre il rischio di essere felici ~ Marilyn Monroe
41:Se è faticoso star con me, perché non te ne vai?" Tu hai schiacciato tutte le emozioni. Per questo non ti arrabbi, non perché sei equilibrato, ma semplicemente perché hai represso le emozioni: via l'amore, via la rabbia, tutto viene nascosto. ~ Fabio Volo
42:Ecco cosa abbiamo raccolto, un frutto ambiguo: la luce bella di un ricordo e il privilegio di una commozione che per sempre ci renderà eleganti, e misteriosi. Voglia il cielo che questo basti a salvarci, per tutto il tempo che ci sarà dato, ancora. ~ Alessandro Baricco
43:Nessuno dei pezzi di musica seria che aveva ascoltato per tutta la vita adulta gli dava la stessa emozione che ora provava ascoltando il vecchio swing: -Quel po' di stoicismo che ho dentro se ne va, e il desiderio di non morire, di non morire mai, si fa quasi insopportabile. ~ Philip Roth
44:Bella: Quella voce l'avrei riconosciuta ovunque; la riconoscevo sempre con emozione, che fossi sveglia, addormentata... persino da morta. La voce per cui ero disposta a camminare nel fuoco, oppure, senza esagerare, a sguazzare una vita intera sotto un'interminabile pioggia fredda. ~ Stephenie Meyer
45:Il grande scopo dell'essere umano è comprendere l'amore totale. L'amore non sta nell'altro, ma dentro noi stessi. Siamo noi che lo risvegliamo. Ma perché ciò accada, abbiamo bisogno dell'altro. L'universo ha senso soltanto quando abbiamo qualcuno con cui condividere le nostre emozioni. ~ Paulo Coelho
46:Sul campo di battaglia della memoria giacevano le spoglie di tutto quanto si era piegato a forze invisibili, dei pensieri di ciò che era svanito lasciando soltanto le emozioni dietro di sè. L'avrei attraversato giorno dopo giorno, imprimendo le orme dei miei passi come si offrono fiori. ~ Banana Yoshimoto
47:Forse noi viviamo troppo protesi verso un apice, dico noi che assorbiamo emozioni da mattina a sera, e di conseguenza non riusciamo a sentirci semplicemente contenti: noi dobbiamo essere o disperati o al settimo cielo e questi stati d'animo sono difficili da raggiungere in una relazione stabile e solida. ~ Nick Hornby
48:La paura cambia il corpo come uno scultore incapace trasforma una pietra perfetta. Solo che la paura scolpisce dall'interno e nessuno vede quanti frammenti e strati ti toglie! Diventi sempre più sottile e instabile fino a quando la minima emozione ti fa crollare. Un abbraccio, e pensi di essere a pezzi, perso. ~ Nina George
49:Însă în ceea ce îi priveşte pe „prietenii cei buni“, mereu prea comozi şi care, tocmai ca prieteni, îşi închipuie că au dreptul la comoditate, faci bine dacă le avansezi un loc de joacă, o arenă a nepriceperii lor: vei avea astfel pricină de râs; - sau să-i înlături cu totul pe aceşti prieteni buni, - şi iar să râzi! ~ Friedrich Nietzsche
50:Tutti dicono che il cervello sia l'organo più complesso del corpo umano, da medico potrei anche acconsentire. Ma come donna vi assicuro che non vi è niente di più complesso del cuore, ancora oggi non si conoscono i suoi meccanismi. Nei ragionamenti del cervello c'è logica, nei ragionamenti del cuore ci sono le emozioni. ~ Rita Levi Montalcini
51:Io le spiegai che l'amore non esisteva, che era un'invenzione di un italiano chiamato Petrarca e dei trovatori provenzali. Che quanto la gente credeva un cristallino fiotto dell'emozione, una pura effusione del sentimento era il desiderio istintivo dei gatti in calore celato dietro le belle parole e i miti della letteratura. ~ Mario Vargas Llosa
52:Ciò che dobbiamo fare è rilassarci e lasciare che sia la spina dorsale a prendere il sopravvento. Benché si legga con la mente, la sede del piacere artistico è tra le scapole. Quel piccolo brivido che sentiamo lì dietro è certamente la forma più alta di emozione che l'umanità abbia raggiunto sviluppando la pura arte e la pura scienza. ~ Vladimir Nabokov
53:Tudni jó, gyermekem, tanulni egyáltalán nem az, szaladgálni jó, moziba menni, énekelni, sétálni, olvasni...Tanulni nem. Dehogy! Csak éppen nem éri meg, ha az ember nem tanul. Nem érted? Nem éri meg, amibe kerül. Nincs arányban, mennyivel rosszabb nem tudni valamit, mint nem tanulni s kitenni magunkat annak, hogy nem értjük ezt a gyönyörű világot. ~ Magda Szab
54:Un giorno, però, lo sguardo di uno sconosciuto ti inchioda al muro. Una persona ti sfiora appena e inaspettatamente, in un istante, avverti una sensazione che non hai mai provato in tutta la tua vita. Un'emozione che quasi ti spaventa, più potente delle tue convinzioni e dei tuo valori, gli stessi che hai sostenuto e per i quali ti sei sempre battuta. ~ Fabio Volo
55:Non so perché stia cercando di nascondergli la mia reazione, ma non è così che si fa? Si cerca in ogni modo di nascondere quello che si prova alle persone che, più di ogni altre, avrebbero bisogno di conoscere i nostri veri sentimenti. La gente tenta d’imbottigliare le proprie emozioni come se fosse sbagliato avere reazioni naturali nei confronti della vita. ~ Colleen Hoover
56:Pensa alla paura. Quella che per noi è semplice paura per altri è terrore, perchè ormai siamo anestetizzati dai fucili che abbiamo continuamente puntati contro. E il terrore che abbiamo conosciuto è qualcosa che pochi occidentali proveranno mai. L'occupazione israeliana ci ha esposti fin da piccoli a emozioni estreme, e adesso non possiamo che sentire in maniera estrema. ~ Susan Abulhawa
57:Il cuore è la pastoia che mi lega a me stesso, e ignora ogni tipo di ragione. Ignora il pensiero razionale. Ignora ogni cosa tranne il dolore, il desiderio e il bisogno, perché sono le sole emozioni che conosce. Ora che ho permesso che i muri venissero abbattuti, ora che mi sono concesso di sentire, il mio cuore non tornerà indietro. Non si lascerà dimenticare. Vuole solo bruciare. ~ T J Klune
58:Convenient though it would be if it were true, Mozilla [Netscape 1.0] is not big because it's full of useless crap. Mozilla is big because your needs are big. Your needs are big because the Internet is big. There are lots of small, lean web browsers out there that, incidentally, do almost nothing useful. But being a shining jewel of perfection was not a goal when we wrote Mozilla. ~ Jamie Zawinski
59:Sensazione meravigliosa. Di quando il destino finalmente si schiude, e diventa sentiero distinto, e ormai inequivocabile, e direzione certa. Il tempo interminabile dell'avvicinamento. Quell'accostarsi. Si vorrebbe non finisse mai. Il gesto di consegnarsi al destino. Quella è un'emozione: Senza più dilemmi, senza più menzogne. Sapere dove. E raggiungerlo. Qualunque sia, il destino. ~ Alessandro Baricco
60:Tuo padre e tua madre non vorrebbero che tu incolpassi loro per averti lasciata sola. Come pensi che si sentirebbero? Vorrebbero che tu fossi felice. Che tu vivessi e ti divertissi. Pensa a quanto sarebbe orgogliosa tua madre per la tua promozione. Pensa a quanto sarebbe orgoglioso tuo padre del fatto che avevi messo tutta te stessa nel rapporto con Timothy. Loro sono lassù a fare il tifo per te. ~ Melissa Senate
61:Il viaggio fornisce l'occasione per dilatare i cinque sensi: sentire e comprendere in modo più profondo, guardare e vedere in modo più intenso, assaporare e toccare con maggiore attenzione, […] Viaggiare intima il pieno funzionamento dei sensi. Emozione, stupore, domande, sorpresa, gioia e sbalordimento, ogni cosa si mescola nell'esercizio del bello e del sublime, dello spaesamento e della differenza. ~ Michel Onfray
62:Qualunque tipo di relazione implica emozioni, che lasciano in noi un'impronta più duratura. Ricordiamo di aver amato e odiato, abbiamo una vaga idea di cos'è successo, ma nomi, volti, date e dettagli si cancellano facilmente dalla nostra memoria. Per fortuna, le emozioni restano. Altrimenti la nostra personalità, forgiata nel corso di innumerevoli esperienze, si dissolverebbe insieme ai ricordi. ~ Laura Gallego Garc a
63:Isaiah’s cell buzzed. He checked the number and hesitated. Some people were like the oldies you hear on the radio, evoking another time, another place, and who you were back then. The sound of Dodson’s voice and the rhythm of his speech stirred up a stew of memories burned black at the bottom of his heart. The last time they’d spoken was at Mozique’s funeral but it took a day or two before the burnt taste was out of his mouth. “Who ~ Joe Ide
64:Mille anni addietro il poeta Han Yun scrisse: «Tutto ciò che non ha pace griderà forte». Paragonò il bisogno umano di esprimere i sentimenti con la scrittura alla forza naturale che spinge le piante a stormire nel vento, o il metallo a risuonare quando viene percosso. Formulata quella considerazione, seppi cosa fare. Ci lavoravo da anni. Privata del mondo esterno, avevo passato la vita a guardarmi dentro e le mie emozioni erano finemente accordate. ~ Lisa See
65:In altre parole, uno degli scopi fondamentali delle emozioni è fornirci una scala di valori, in modo da poter scegliere che cosa è importante, costoso, bello o prezioso. In assenza di emozioni tutto ci sembrerebbe uguale, quindi ci ritroveremmo nella situazione paralizzante di non riuscire a compiere una scelta. Gli scienziati stanno quindi cominciando a capire che le emozioni, lungi dall'essere un lusso, sono uno dei fondamenti dell'intelligenza. ~ Michio Kaku
66:But most of us who aren't models aren't models, right? And so, you just have to get used to that and sort of read right past it. So. On the sex symbol piece, I don't get that piece. On the personality piece, that people are excited to meet a leader from Mozilla - maybe there's more about meeting me personally than I give credit for, but I find that people are excited about what Mozilla is, more than 'Oh my god, there's Mitchell, look, her hair,' whatever. ~ Mitchell Baker
67:Mi chiesi se prima o poi ci si faceva l’abitudine. O forse a furia di accumulare debiti di malessere alla fine si trova un modo per ripagarli tutti in una volta, riportando in pareggio il bilancio delle emozioni? Oppure la presenza dell’altro, che fino a ieri mattina sembrava quasi un intruso, diventa perfino più necessaria perché ci protegge dal nostro inferno individuale, tanto che la persona che ci tormenta di giorno è la stessa che ci dà sollievo la notte? ~ Andr Aciman
68:Perché piangono gli uomini? Per colpa delle lotte e delle gesta e della maratona delle promozioni, perché vogliono la mamma, perché restano ciechi anche col passar del tempo, per colpa di tutte le erezioni che debbono inventarsi sul più bello dal nulla, per colpa di tutto ciò che hanno fatto. Perché non possono più essere felici o tristi – solo sbronzi o pazzi. E perché non sanno che pesci pigliare quando sono svegli.
E poi c'è l'informazione, che arriva di notte. ~ Martin Amis
69:E tuttavia, amo anch'io il cinematografo; ma pur andandoci da tanti anni, non ho saputo farmene una cultura. Lui se ne è fatto, invece, una cultura: si è fatto una cultura di tutto quello che ha attratto la sua curiosità; e io non ho saputo farmi una cultura di nulla, nemmeno delle cose che ho più amato nella mia vita: esse sono rimaste in me come immagini sparse, alimentando sì la mia vita di memorie e di commozione ma senza colmare il vuoto, il deserto della mia cultura. ~ Natalia Ginzburg
70:Mi sentii pervadere da un’ondata di commozione, ma anche di gelosia.. e persino rabbia. Ero io quella che Dimitri avrebbe dovuto guardare in quel modo. Come osava? Come osava comportarsi come se Lissa fosse la persona più importante dell’universo? Certo, aveva fatto tanto per salvarlo, ma ero stata IO a viaggiare per mezzo mondo sulle sue tracce. Ero stata IO a rischiare in continuazione la vita per lui. E, soprattutto, ero IO che lo amavo. Come poteva voltarmi le spalle in quel modo? ~ Richelle Mead
71:Leggere mette in moto tutto dentro te: fantasia, emozioni, sentimenti. È un'apertura dei sensi verso il mondo, è un vedere e riconoscere le cose che ti appartengono e che rischiano di non essere viste, fa scoprire l'anima delle cose. Leggere significa trovare le parole giuste, quelle perfette per esprimere ciò a cui non riuscivi a dare forma. Trovare una descrizione a ciò che tu facevi fatica a riassumere. Nei libri le parole degli altri risuonano come un'eco dentro di noi, perché c'erano già. ~ Fabio Volo
72:Corey rimase a guardare la scena, invaso da quello che sapeva essere sollievo. La perdita del coniglio non l’aveva rattristato e con tutta probabilità si sarebbe gelato l’inferno, prima che il giovane imparasse a forzare un’emozione a comando. L’unica cosa che provava in quel momento era l’insano bisogno di prendere la chitarra e cantare. Quando cantava, tirava fuori tutte le emozioni che voleva. Quando cantava, era la musica a parlare per lui. Era così che entrava in contatto con i suoi sentimenti. ~ R J Scott
73:A quei tempi non mentivo, ma non confidavo mai le mie vere emozioni, se non al mio cane... Ero sempre sorridente e credo che i miei genitori non abbiano mai sospettato che ero triste...Non avevo nient’altro da nascondere allora, ma nascondevo questo: la mia angoscia, la mia tristezza... Magari sarebbero stati pronti ad ascoltarmi, come Florence del resto, eppure non sono mai riuscito a parlare... E quando rimani incastrato in questo ingranaggio, per non deludere, la prima bugia chiama la seconda, e poi vai avanti tutta la vita...» ~ Emmanuel Carr re
74:Lo so, suona strano. Ma pensate che per anni abbiamo con tranquillità sostenuto che la libertà era un'automobile, la famiglia una spaghettata, l'aria buona una mentina e così via. Ebbene, chi ci impedirà di far entrare nella testa della gente che dopo la razza eletta che pubblicizzava ogni branca del bevibile, del commestibile e del vendibile, non siano oggi i barboni, i defedati, i pezzenti e i morti di fame a costituire l'immagine vincente del duemila? Povero è bello! È nobile patire la fame, è emozionante soffrire il freddo. Glielo ficcheremo in testa! ~ Stefano Benni
75:It is 10 PM now, and Godzilla has been sitting at his desk in front of his laptop for six to seven hours. He has accomplished hardly anything today. Godzilla is drinking a lot of beer. He can not stop smoking cigarettes. His room is blue with cigarette smoke, and Godzilla sits on a chair in there, minimizing and maximizing Mozilla Firefox repeatedly. He is not over his girlfriend's house because she said on the cell phone that she needed time, alone, to think about their relationship. Godzilla worries that he will not be able to take care of himself if they break up. ~ Brandon Scott Gorrell
76:Non rimaneva ormai nulla delle produzioni letterarie e artistiche di cui l’umanità era stata così fiera; i temi che le avevano originate avevano perduto pertinenza, il loro potere di emozione era svanito. Non rimaneva nulla nemmeno dei sistemi filosofici o teologici per i quali gli uomini si erano battuti, erano talvolta morti, avevano ancora più spesso ucciso; tutto ciò non destava ormai la minima eco in un neoumano, non ci vedevamo altro che le divagazioni arbitrarie di spiriti limitati, confusi, incapaci di produrre il minimo concetto preciso o semplicemente utilizzabile. ~ Michel Houellebecq
77:«Questo lo so» esclamò Landen «e ne sono del tutto d'accordo. Mi piacerebbe tanto capire perché ti sei tirata indietro. Dai la caccia a super criminali, all'OPS affronti rischi enormi, disubbidisci agli ordini per recuperare i tuoi compagni feriti sotto un intenso fuoco di artiglieria, eppure...»
«Ho capito. Non saprei. Probabilmente le decisioni su questioni di vita o di morte sono più facili da prendere perché sono radicali, bianco o nero. Le affronto meglio perché è più facile. Le emozioni umane, be'... sono un'infinita gradazione di grigi e io non mi trovo bene con le mezze tinte». ~ Jasper Fforde
78:Jer je to ono što činimo. Iskoračimo jednom nogom, pa onda drugom. Još jednom podignemo pogled ka režanju i osmehu sveta. Mislimo. Delamo. Osećamo. Dajemo svoj maleni doprinos plimi i oseci dobra i zla koje plave svet i povlače se iz njega. Vučemo svoje nevidljive krstove ka nadi koju nosi još jedna noć. Guramo svoja hrabra srca ka obećanju koje nosi novi dan. S ljubavlju: onom strasnom potragom za istinom mimo naše sopstvene. Sa čežnjom: tom čistom, niskazanom žudnjom da budemo spaseni. Jer dokle god sudbina čeka, mi nastavljamo da živimo. Bože pomozi. Bože oprosti. Nastavljamo da živimo ~ Gregory David Roberts
79:[...] Si semina, si raccoglie, e non c'è nesso tra una cosa e l'altra. Ti insegnano che c'è, ma... Non so, io non l'ho mai visto. Accade di seminare, accade di raccogliere, tutto lì. Per questo la saggezza è un rito inutile e la tristezza un sentimento inesatto, sempre. Seminammo con cura, tutti, quella volta, seminammo immaginazione, follia e talento. Ecco cosa abbiamo raccolto, un frutto ambiguo: la luce bella di un ricordo e il privilegio di una commozione che per sempre ci renderà eleganti, e misteriosi. Voglia il cielo che questo basti a salvarci, per tutto il tempo che ci sarà dato, ancora. ~ Alessandro Baricco
80:Quella che per me era casa, per lei sarebbe stato l'inferno. Avrei dovuto essere più comprensivo - avevo praticamente sentito il suo cuore andare in pezzi - ma ero cresciuto in una famiglia in cui le emozioni erano considerate una debolezza. Ero orgoglioso di essere forte, indistruttibile.
L'empatia è la rovina dell'essere umano.
La capacità di percepire il loro dolore. Il fastidio di vivere il loro trauma.
Era una capacità che avevo avuto da bambino. Poi, lezione dopo lezione, avevo finalmente imparato l'indifferenza.
Indifferenza significava assenza di emozioni. Indifferenza era potere. ~ Pepper Winters
81:Fa male l'assenza? No. Fa male la perdita. Che è altro dall'assenza. La perdita sa cosa ha perso. L'assenza può essere un vago sentore, un'emozione senza corpo e senza suono di qualcosa che manca e che non ho, ma che non so cos'è. La perdita, è quella che provo io, perché lo so. Ed è peggio dell'assenza. Perché quello che conoscevo e che tenevo fra le dita non c'è più. Non sarà più. È la stessa differenza che c'è fra Ray Charles e Stevie Wonder. Stevie è cieco dalla nascita, Ray c'è diventato. Ray sa cos'è vederci, Stevie no. Ray ha provato la perdita. Stevie l'assenza. Stevie sta meglio di Ray. Ci metto la mano sul fuoco. ~ Antonio Manzini
82:Era diverso dagli altri, e questo avrebbe potuto forse confinarlo in sé stesso, ma a me anche le sue stravaganze trasmettevano belle sensazioni. Il suo merito maggiore, però, stava nel non aver mai preteso di somministrare ad altri prediche e verità assolute.
[...] Se ogni tanto perdeva anche per poco il controllo, se cedeva all'emozione, era solo per parlare del suo amore incondizionato verso gli esseri umani, gli animali, le piante e l'intero pianeta. Erano questi, per lui, i ricordi irrinunciabili, i più belli. Ha sempre vissuto per qualcos'altro, sempre pronto a fermare all'ultimo momento un oggetto in caduta libera. ~ Banana Yoshimoto
83:- Nasmej mi se. Nasmej mi se pa da na tvom licu, barem jednom ugledam svetlost onog sveta. Podseti me na toplinu pekare u koju sam, vraćajući se iz škole sa tašnom u ruci po snežnom zimskom danu, ulazila da kupim zemičku; podseti me kako sam po vrelom letnjem danu sa keja radosno skakala u more; podseti me na prvi poljubac, na prvi zagrljaj, na orah do čijeg sam se samog vrha popela sama, na letnje veče u kojem sam bila van sebe, na noć u kojoj sam se veselo napila, na ušuškanost u mom jorganu i na lepo dete koje me je sa ljubavlju pogledalo. Sve je to u onoj zemlji, i ja želim tamo da odem, pomozi mi, pomozi mi da bih mogla srećna da prihvatim to da me je sve manje svaki put kad udahnem. ~ Orhan Pamuk
84:«La mia fantasia ricorrente è che alla Carta dei Diritti dell'Uomo venga aggiunta la voce: diritto all'immaginazione. Ormai mi sono convinta che la vera democrazia non può esistere senza la libertà di immaginazione e il diritto di usufruire liberamente delle opere di fantasia. Per vivere una vita vera, completa, bisogna avere la possibilità di dar forma ed espressione ai propri mondi privati, ai propri sogni, pensieri e desideri; bisogna che il tuo mondo privato possa sempre comunicare col mondo di tutti. Altrimenti, come facciamo a sapere che siamo esistiti? «I fatti concreti di cui parliamo non esistono, se non vengono ricreati e ripetuti attraverso le emozioni, i pensieri e le sensazioni». ~ Azar Nafisi
85:Anch'io sento il bisogno di rileggere i libri che ho già letto, ma ad ogni rilettura mi sembra di leggere per la prima volta un libro nuovo. Sarò io che continuo a cambiare e vedo cose di cui prima non m'ero accorto? Oppure la lettura è una costruzione che prende forma mettendo insieme un gran numero di variabili e non può ripetersi due volte secondo lo stesso disegno? Ogni volta che cerco di rivivere l'emozione di una lettura precedente, ricavo impressioni diverse e inattese, e non ritrovo quelle di prima. [...] La conclusione a cui sono arrivato è che la lettura è un'operazione senza oggetto; o che il suo vero oggetto è se stessa. Il libro è un supporto accessorio o addirittura un pretesto. ~ Italo Calvino
86:Rise. «I grandi quadri – la gente accorre per vederli, attirano folle, sono riprodotti all’infinito sulle tazze e sui tappetini dei mouse e su qualunque cosa. E, questo riguarda anche me, puoi passare una vita intera a visitare musei con grande piacere, un bel giretto, e poi via, a pranzo da qualche parte. Ma…» tornò a sedersi sul tavolo, «se un quadro ti affonda davvero nel cuore e cambia il tuo modo di vedere, e di pensare, e di provare emozioni, non pensi, “oh, amo questo quadro perché è universale”, “amo questo quadro perché parla a tutto il genere umano”. Non è questa la ragione per cui ci si innamora di un’opera d’arte. È un sospiro segreto in un vicolo. Pss, tu. Ehi ragazzino. Sì, proprio tu.» ~ Donna Tartt
87:Era questo che voleva dire essere una diciannovenne? Vivere in un dormitorio, lasciare che le vite degli altri si riversassero nella tua, anche se solo per un breve periodo? Studiare una cosa con la massima concentrazione mentre decine di altre cambiano attorno a te e imparare anche da quelle? Avere un ragazzo che ti vuole bene e ti apprezza così tanto che sei sicura che nessuno abbia mai provato le stesse emozioni prima di te, e sapere di esserti aggiunta a una lunga fila di persone che hanno fatto lo stesso ballo per trovare quella con cui trascorrere la vita?
Era una cosa temporanea e senza tempo, insignificante e densa di significato. E io ero riuscita a farne parte. Volevo vivere così per sempre! ~ Kiera Cass
88:Uno scrittore ha in sorte una piccola voce pubblica. Può usarla per fare qualcosa di più della promozione delle sue opere. Suo ambito è la parola, allora gli spetta il compito di proteggere il diritto di tutti a esprimere la propria. Tra i tutti comprendo in prima fila i muti, gli ammutoliti, i detenuti, i diffamati da organi d’informazione, gli analfabeti e chi, da nuovo residente, conosce poco e male la lingua.
Prima di dovermi impicciare del mio caso, posso dire di essermi occupato del diritto di parola di questi altri.
“Ptàkh pìkha le illèm”: apri la tua bocca per il muto (Proverbi/Moshlé 31,8). Oltre a quella di comunicare, è questa la ragione sociale di uno scrittore, portavoce di chi è senza ascolto. ~ Erri De Luca
89:It is for this reason that art, true art, the one that comes from the soul, is so important in our lives. Art consoles us, it lifts us and directs us. Art cures us. We are not only that which we eat and the air that we breathe. We are also the stories we have heard, the tales we fell asleep listening to when we were children, the books we have read, the music we heard and the emotions that a painting, a statue, or a poem have given us.

Noi non siamo solo quello che mangiamo e l’aria che respiriamo. Siamo anche le storie che abbiamo sentito, le favole con cui ci siamo addormentati da bambini, I libri che abbiamo letto, la music che abbiamo ascoltato e le emozioni che un quadro, una statua, una poesia ci hanno dato. ~ Tiziano Terzani
90:Sembra quasi che se metti la musica (e i libri, probabilmente, e i film, e il teatro, e qualsiasi cosa che procuri emozioni) al primo posto, non riuscirai mai a chiarire la tua vita amorosa, e non arriverai mai a considerarla come un prodotto finito. Ci troverai sempre qualcosa da ridire, starai sempre in subbuglio, e continuerai a criticare e a cercare di dipanare la matassa finché non va tutto a rotoli e devi ricominciare daccapo. Forse noi viviamo troppo protesi verso un apice, dico noi che assorbiamo emozioni da mattina a sera, e di conseguenza non riusciamo mai a sentirci semplicemente contenti: noi dobbiamo essere o disperati, o al settimo cielo, e questi sono stati d'animo difficili da raggiungere in una relazione stabile e solida. ~ Nick Hornby
91:«James,» ha cominciato, sedendosi e lisciandosi i pantaloni con la mano tesa, un suo gesto tipico, «devi dirmi tutte le tue novità».

Novità, ho pensato, novità. Che concetto curioso. Certo, le vite delle altre persone progrediscono in questo modo. C'erano le novità – promozioni, matrimoni e bambini, nuovi acquisti frutto di faticosi risparmi, vacanze programmate, avventure commerciali, sogni prossimi alla realizzazione o abbandonati. Quasi tutte le "novità" in effetti riguardano il denaro. Ottenerlo, spenderlo, accumularlo e accrescerlo. Una volta che si è ottenuto tutto il denaro possibile, che fine fanno le novità? Restano solo gli amori, la procreazione e gli entusiasmi passeggeri, che prendono il posto che ha il lavoro per le altre persone. ~ Naomi Alderman
92:Oh, Lily", mormora, scuotendo la testa. "Ne so parecchio dell'amore. So cosa significa volere una ragazza, sognarla e desiderarla con tutta l'anima. Ne so abbastanza da non confondere cosa è reale e cosa invece è solo frutto della mia fantasia."
Gira un pochino la testa per guardarmi, e io mi ritrovo a dire: "Ti-tipo?"
"Tipo quando lei piange e il mio cuore va in mille pezzi e tutto quello cui riesco a pensare è come farle dimenticare la causa della sua tristezza." Il suo viso è impassibile, senza l'ombra di un'emozione. Le sue parole, e tutto il sentimento che sottintendono e che mi travolgono grazie al legame, rendono tutto molto chiaro. "Questa è realtà."
La mia voce è appena un sussurro quando gli dico: "E la fantasia?"
"Credere che prima o poi anche lei proverà le stesse cose per me. ~ Tera Lynn Childs
93:«Sta morendo.» Si coprì il viso con una mano. Fu sollevato scoprendo di avere gli occhi asciutti. Si rimise seduto, cercando di recuperare la concentrazione. «È uno dei motivi per cui splende così forte. È uno dei motivi per cui è una preda così preziosa.»
«Ah. Quindi, se sta comunque morendo...»
«Ho pensato che se almeno lo avessi avuto vicino...» Non era ancora pronto a mollare. «Dev’esserci un modo, e tu conosci le scorciatoie meglio di chiunque altro
«Volevo fare di più prima di morire. Vedere di più, capisci? Volevo un’occasione per incontrare qualcuno. Io volevo...» Si zittì, le guance che arrossivano.
Abaddon gli prese la mano. «Volevi un’occasione per innamorarti.»
Le lacrime spuntarono negli occhi di Seth. «Sì.» Piegò la testa, ma non riuscì a fermare l’ondata di emozione che lo investì ~ Marie Sexton
94:« Sono serio, Jane,» dico, dandole un’altra stretta. So che quello che le ho appena detto era davvero intenso, ma cazzo… i miei sentimenti sono davvero intensi e ho bisogno di tirarli fuori. So anche che sta cercando di minimizzare, quindi non mi sento imbarazzato. Anzi, che si fotta l’imbarazzo.«Jane.» Abbasso il viso verso il suo. «Dimmi che hai capito tutto quello che ti ho detto e che sai che viene dal profondo del mio cuore.»I suoi occhi brillano. Mi sento una merda perché non volevo farla piangere, ma poi mi rivolge un sorriso così luminoso che quasi mi acceca. «Non dimenticherò mai una sola parola di quello che hai appena detto perché era la cosa più bella del mondo.»Le mie labbra trovano le sue, ed entrambi cerchiamo di convalidare le nostre parole e le nostre emozioni con il tocco e un’intimità fisica. ~ Sawyer Bennett
95:«Sono solo io, Jess. Ricorda tutti quei pomeriggi che passavamo il tempo in camera tua e suonavamo e ci baciavamo, eccetera. Possiamo di nuovo stare così, giusto?» «Non sai che mi facevi innervosire anche allora?» Jesse era molto emotivo, però stava bene. Agitato e stupendo ed esattamente come lo ricordava. Non aveva permesso a se stesso di provare quelle emozioni durante tutti quei mesi in tournée. Ogni volta che un leggero senso di felicità cercava di salire, si sforzava di rimandarlo giù con tutta la forza che aveva. Era bello lasciarlo andare, finalmente. Shane gli prese il viso con mani tremanti e lo baciò lentamente. Dio, era fantastico. «Anche tu mi rendi nervoso. E felice, e spaventato e come se riuscissi a stento a trattenermi dal ridere per nulla, per la metà del tempo. Mi sa che sia quello che si prova quando si è innamorati. ~ Piper Vaughn
96:.... dopo una sfilza di test, lo psichiatra infantile aveva detto ai miei che ero decisamente capace di provare emozioni, ma avevo anche il dono eccezionale di scacciare la distrazione e i pensieri improduttivi.....
«Non è sociopatica. Capisce e può decidere di sentire le emozioni. Ma può anche decidere di non farlo. Mi ha detto che ha un interruttore interno che può accendere o spegnere in qualunque momento, per provare per esempio gioia, paura, amore.» Aveva tossito e borbottato «ahem», prima di proseguire. «Vedete, non ho mai avuto un paziente così, prima d’ora. Ma non occorre essere Einstein per capire quanto poco sappiamo dei limiti del cervello umano. Alcuni sostengono che sfruttiamo solo una parte minoritaria del nostro potenziale. Diciamo che vostra figlia ne sfrutta un po’. Se sia una notizia buona o cattiva, questo non lo so.» ~ Shannon Kirk
97:Ed è una tentazione per qualsiasi persona intelligente, e specialmente per perfezionisti come gli antichi e noi, cercare di uccidere l'io primitivo, emozionale, animale. Ma è un errore."
"Perché?" chiese Francis, sporgendosi leggermente in avanti.
Julian aggrottò le sopracciglia, il lungo naso conferiva al suo profilo, aggettante, l'aspetto di un etrusco in bassorilievo. "Perché è pericoloso ignorare l'esistenza dell'irrazionale. Più civilizzata è una persona, più è intelligente, più sarà repressa: e più necessiterà di un sistema per incanalare gli impulsi primitivi che si è studiato così tanto per uccidere. Altrimenti quelle potenti, antiche forse si accumuleranno e diverranno di tale intensità da liberarsi violentemente, con maggiore violenza a causa dell'attesa, e avranno spesso tale vigore da spazzar via del tutto la volontà. [...] ~ Donna Tartt
98:Non sapeva, lui che apriva il suo cuore all’aria aperta, che non rispettava altra legge al mondo se non la buona legge di natura, lui che lasciava scorrere le proprie passioni per i loro pendii, e in cui il lago delle grandi emozioni era sempre a secco, poiché vi apriva egli ogni mattina larghi e nuovi canali, non sapeva con quale furia questo mare di passioni umane fermenta e ribolle quando sia impedito a qualunque uscita, come si ammassa, come si gonfia, come deborda, come scava il cuore, come scoppia in singhiozzi interni e in sorde convulsioni fino a che non abbia rotto le dighe e aperto una crepa nel suo letto. L'involucro austero e glaciale di Claude Frollo, la sua fredda superficie di virtù impervia e inaccessibile aveva sempre ingannato Jehan. L'allegro scolaro non aveva mai pensato a quanta lava bollente, furiosa e profonda fosse sotto la fronte innevata dell'Etna. ~ Victor Hugo
99:A parte che noi non lo avevamo scelto a tavolino, ma c'eravamo sempre misteriosamente cercati. In qualche modo, c'eravamo scelti su quel tram. C'era sempre stata fra noi una sorta di tacita alleanza. Sul tram, sin dal principio, fra tutte le persone io vedevo e notavo solo lei. Lei e tutto ciò che faceva, anche i più piccoli gesti. Le altre persone erano solo maschere per me, lei l'unico viso. Forse il segreto è che basta aprirsi un attimo. Come quei muri che si vedono per strada: da una piccola crepa spunta una piantina. Ero diventato come quel muro. Da una mia piccola apertura era nata una piantina di emozione e di curiosità. Era come se le altre donne, le altre storie fossero state come bei mazzi colorati di fiori che porti a casa e metti nel vaso. Gli cambi l'acqua tutti i giorno, ma pian piano appassiscono e lentamente muoiono. Michela invece era una piantina che cresceva. ~ Fabio Volo
100:This recalibration of the “victim–oppressor dynamic” is exactly what Christian conservatives, with the aid of right-wing bloggers, put into motion after Brendan Eich resigned as CEO of Mozilla. They cast him as a victim of ruthless, organized gay activist groups that were taking away his “religious liberties”—a claim that could not be further from the truth. Too many gay opinion makers fell right into the trap, accepting this reframing, becoming fearful, and running away, fretting about the “optics” rather than challenging the accusation for what it was: a vicious lie and a deception, part of a plot to recast enemies of LGBT equality as victims while they trample hard-won rights. These LGBT thought leaders spoke for all of us who have been overcome with victory blindness and have impulsively reverted to covering our anger and our conviction. And we can’t let that happen again. ~ Michelangelo Signorile
101:It is for this reason that art, true art, the one that comes from the soul, is so important in our lives. Art consoles us, it lifts us and directs us. Art cures us. We are not only that which we eat and the air that we breathe. We are also the stories we have heard, the tales we fell asleep listening to when we were children, the books we have read, the music we heard and the emotions that a painting, a statue, or a poem have given us.

L'arte, quella vera, quella che viene dall'anima, è così importante nella nostra vita. L'arte ci consola, ci solleva, l'arte ci orienta. L'arte ci cura. Noi non siamo solo quello che mangiamo e l'aria che respiriamo. Siamo anche le storie che abbiamo sentito, le favole con cui ci hanno addormentato da bambini, i libri che abbiamo letto, la musica che abbiamo ascoltato e le emozioni che un quadro, una statua, una poesia ci hanno dato.

(La fine è il Mio Inizio) ~ Tiziano Terzani
102:«Ti amo.»
Luka non aveva intenzione di dirlo. Il suo cervello era volato via su una qualche nuvola di euforia, mentre il suo corpo vibrava ancora per l’orgasmo. Le parole gli erano uscite in un sussurro, ma capì che Nick le doveva aver sentite dal modo in cui era sobbalzato e aveva trattenuto il respiro.
Le braccia di Nick attorno a lui si irrigidirono. «Luka…»
A Luka si attorcigliò dolorosamente il cuore nel petto. «Scusami. So che non siamo ancora a quel punto. Non intendevo…»
«Luka.» Nick posò le mani sui suoi fianchi e lo voltò per poterlo guardare in faccia. I suoi occhi blu erano spalancati e scuri con un’emozione che non riuscì a decifrare. Pensò che potesse essere rammarico. «Ci tengo tantissimo a te. Io…»
Luka interruppe quelle parole con un bacio. Non voleva sentire il resto. Non ne aveva bisogno. Sapeva che Nick gli voleva bene, non aveva dubbi al riguardo. Ed era sufficiente.
Per adesso ~ Piper Vaughn
103:Io pensavo che i fumatori potrebbero dividersi in due categorie, quelli che fanno attenzione al destino della loro cenere e quelli che non ci badano per niente. I secondi di solito hanno il vizio di gesticolare. I primi tendono a rovinarsi la vita preoccupandosi troppo delle emozioni altrui, e delle conseguenze delle proprie azioni. Conoscevo bene questa categoria di persone: non solo danno ragione a tutti, ma se litigano con qualcuno finiscono col dire più di quello che dopo, ripensandoci, vorrebbero avere detto, e nel chiedere scusa cedono a toni sentimentali. Questa categoria di persona schiaccia i propri mozziconi e anche quelli degli altri, quando restano a languire nei piattini da caffè, e poi mette i piattini a lavare. Gli sbadati, invece, con il tempo dimostrano altri segni di trascuratezza. Scarsa cura di sé, che pure è una forma di distrazione. Sbattono contro i mobili, si fanno male da soli. Questa era Sofia. ~ Paolo Cognetti
104:NUTRICE: dove corri,figlia, lontano dalla tua casa? Fermati, calmati, frena la tua furia. Come una menade, che, alla cieca, gà invasata da dio, si lancia e porta i suoi passi sulla cima del Pindo nevoso o sui gioghi di Nisa, così Medea corre qua e là con gesti selvaggi, mostrando in volto i segni di un furore delirante. Il suo viso è in fiamme, il respiro affannoso, grida, il pianto le sgorga dagli occhi, di colpo si mette a ridere. è in preda ad ogni emozione. Esita, minaccia, avvampa, si lamenta, singhiozza. Dove si volgerà l’empito del suo cuore? Dove spingerà le sue minacce? Dove andrà ad infrangersi questo vortice? Il suo furore trabocca. No, non è da poco, non è comune il delitto che medita tra sé. Supererà se stessa, Medea. Li conosco, io, i segni del suo antico furore. Qualcosa di inaudito sta sopra di noi, qualcosa di grande, selvaggio, empio: lo leggo nel suo volto delirante. O déi. fate che la mia paura sia vana.
MEDEA: Vuoi sapere, povera te, sin dove può spingersi l’odio? Sin dove l’amore ~ Seneca
105:Amo la letteratura, ma non perché ami le storie in sé. Trovo quasi tutte le mosse del romanzo tradizionale incredibilmente prevedibili, fiacche, improbabili ed essenzialmente inutili. Non ricordo mai i nomi dei personaggi, gli snodi della trama, i dialoghi, i dettagli dell’ambientazione. Non mi è chiaro cosa dovrebbero rivelare sulla condizione umana narrazioni simili. Invece sono attratto dalla letteratura come forma di pensiero, di coscienza, di sapienza. Mi piacciono le opere che mettono a fuoco non solo pagina dopo pagina ma riga dopo riga quello che importa veramente allo scrittore, invece di sperare che tutto questo emerga chissà come misteriosamente dalle crepe della narrazione, che è quello che oggi accade in quasi tutti i racconti e i romanzi. Le opere-collage parlano quasi sempre di “quello di cui parlano” – che potrà sembrare un tantino tautologico – ma quando leggo un libro che mi piace davvero, sono emozionato perché sento l’emozione dello scrittore che in ogni paragrafo sta palesemente esplorando il suo soggetto. ~ David Shields
106:è stato uno degli anni più grandiosi e più difficili della mia vita. ho imparato che ogni cosa è passeggera. momenti. emozioni. persone. fiori. ho imparato che l’amore sta nel donare. tutto. e nel lasciare che mi dia dolore. ho imparato che la vulnerabilità è sempre la scelta giusta perché è facile essere insensibili in un mondo che rende tanto difficile restare teneri. ho imparato che tutte le cose esistono in coppia. vita e morte. dolore e gioia. sale e zucchero. io e te. è l’equilibrio dell’universo. è stato l’anno di un dolore bruttissimo ma di una vita bellissima. rendere amici gli estranei. rendere estranei gli amici. imparare che la stracciatella alla menta risolve quasi tutto e per i dolori che non risolve ci sono sempre le braccia di mia madre. dobbiamo imparare a concentrarci sull’energia calda. sempre. immergervi gli arti e diventare più bravi ad amare il mondo. perché se non sappiamo imparare a trattarci con gentilezza l’un l’altro come potremo mai imparare a trattare con gentilezza le parti più disperate di noi stessi ~ Rupi Kaur
107:Gli scienziati si comportano allo stesso modo. Il mondo che coi loro strumenti ci descrivono non è il mondo, è una sua parzialissima rappresentazione, un'astrazione che in verità non esiste. Come non esistono i numeri: utilissimi alla scienza, ma nella natura i numeri non ci sono.
Il mondo in cui uno si alza al mattino è fatto di montagne, di onde che sbattono spumeggiando contro le scogliere, di prati dove l'erba è verde, di uccelli coi loro gridi, di animali coi loro richiami e di tanti, tanti uomini con le loro vite. E che fanno i poveri scienziati dinanzi a tutto questo? Misurano, soppesano, scoprono delle leggi, analizzano i vari aspetti delle varie manifestazione del mondo, e di ognuna spiegano tutto, senza però alla fine spiegare nulla. E comunque prendono in considerazione solo ciò che è ovvio, semplice, ciò che viene percepito dai sensi, senza potersi occupare delle emozioni, dei sentimenti, di ciò che impercettibilmente cambia la vita di ciascuno di noi, come l'amore, o cambia il mondo di tutti, come l'ingordigia. ~ Tiziano Terzani
108:Un'opera astratta, non avendo referenti nella real-tà, appare incomprensibile, eppure è spesso più comprensibile di un'opera figurativa, la quale pre-suppone una conoscenza storica specifica. La comprensione di un ritratto, di un soggetto mitologico o religioso, impone una conoscenza letteraria. Di fronte a un dipinto di Michelangelo o di Raffaello, occorre avere conoscenze più coltivate di quante ne occorrano per capire i dipinti di Pollock o di Mondrian, nei quali vediamo un'espressione quasi fisica dí sensibilità, di emotività che si scarica per il primo nel colore e per il secondo nella rigorosa razionalità della composizione, ma dove l'equivalente psicologico è immediatamente riconoscibile e ne costituisce l'estetica.
Il salto fra l'estetica tradizionale e l'estetica moderna è un salto dalla ragione all'emozione; è il passaggio da una costruzione con elementi che
hanno ciascuno una propria funzione a una libe-razione degli istinti. Se non si comprende questo snodo fondamentale, cioè l'irruzione dell'irrazio-nale nell'arte, è inutile porsi davanti a un quadro di un autore moderno. ~ Vittorio Sgarbi
109:«Ti amo, Nicky. Ho solo paura.» Gli si serrò la gola, e sentì gli occhi scaldarsi.
«Anche io ho paura. Paura di ferirti, paura che sia tu a ferire me, paura di essere davvero maledettamente innamorato e non sapere come comportarmi nella maniera giusta. E se fossi uno stupidissimo idiota come sono sempre stato e rovinassi qualcosa che avrebbe potuto rendere entrambi felici per tutta la vita?»
Luka sorrise, un piccolo sorriso esitante. «Magari io non ti lascerò rovinare tutto.»
«Davvero?» sussurrò Nick. Luka vide accendersi la speranza nei suoi occhi.
«Magari voglio essere felice per il resto della mia vita. Non credo di riuscirci senza di te.»
Nick fece un piccolo suono strozzato. «So che non ce la posso fare senza di te.» La sua voce era colma di emozione. Luka fece un balzo in avanti e si aggrappò al suo uomo con tutto se stesso. Nick stava tremando, mentre Luka piangeva e sorrideva e tremava. Era un completo disastro, ma più felice di quanto fosse mai stato. Nick si scostò, poi si sporse in avanti per baciarlo – un bacio salato, pieno di muco, tremulo, profondo, che scosse Luka fino alle ossa. ~ Piper Vaughn
110:A Balbec, ero arrivato al punto di trovare il piacere d'intrattenermi in svaghi con fanciulle meno funesto alla vita intellettuale – cui, d'altronde, rimane estraneo – che non l'amicizia, il cui sforzo consiste esclusivamente nel farci sacrificare l'unica parte reale e incomunicabile (se non per mezzo dell'arte) di noi stessi a un io superficiale, che anziché trovare, come l'altro, gioia dentro di sé, prova una confusa commozione nel sentirsi sostenuto da puntelli esterni, ospitato in un'individualità estranea dove, felice della protezione accordatagli, fa rifulgere in approvazione il proprio benessere, e va in estasi di fronte a qualità che chiamerebbe difetti, e cercherebbe di correggere, in se stesso. D'altra parte, coloro che disprezzano l'amicizia possono essere, senza illusioni e non senza rimorsi, i migliori amici del mondo, così come un artista che porta in sé un capolavoro e sente che sarebbe suo dovere vivere per lavorare, ciononostante, per non apparire o rischiare d'essere egoista, dà la sua vita per una causa inutile, e con tanto maggiore ardimento quanto più disinteressate erano le ragioni per cui avrebbe preferito non darla. ~ Marcel Proust
111:Hogy a férfiak csak nemzenek, az asszonyok csak szülnek, de az embereket a művész teremti, oly tény, amit nem kell igazolni. Csak nézze meg az ember a mai férfit és nőt, mindje ugyanaz - a mozisztár. Volt idő, amikor a brutális romantika teremtett, aztán a "szellemiség kora" következett, s ma mindenki a film hőseihez akar hasonlítani. Ez a példa. Modell. A művészet teremti meg az emberforma lényegét, a művészet az a bájital, amely emberré tesz semleges lényt, amely sem nem állat, sem valami más. Ez a varázsital nem tartalmat ad, hanem lényeget, a példa hatása mindig a leghatásosabb fizikai valóság. Ha egy város tele van korcs szoborral, a város lakóinak korcsosodását varázsolja valósággá. Ez a hatás oly nagy, hogy az ellentétet is kiváltja, hogyha hazudik - valószínű, hogy a keskeny gótikus szobrok idején azért volt oly sok pohos ember -, de mind a kettő torz. A film új embertípust teremtett, a sztárok mosolyát látni minden arcon, ez a mosoly alakítja át az izmokat, változtatja meg az arcot, és azt, ami az arc mögött van. Mozipillantás, mozijárás, mozigesztus, mozicsáb. Sztársóhaj, sztárbánat, sztárkönnyek. Úgy látszik, ez az, amit a mai emberiség megérdemelt. ~ B la Hamvas
112:Danijar riprese il canto. L’inizio era sempre così timido, malsicuro, ma a poco a poco la voce prese forza, riempì la valle, andò a risvegliare l’eco nelle rocce lontane.

Ciò che mi sorprendeva di più era la passione, l’ardore che permeava la melodia stessa. Non sapevo come chiamare tutto questo, e non lo so tuttora, o più esattamente non posso dire se quella fosse soltanto la voce o qualche cosa di ben più importante che usciva dal cuore stesso dell’uomo, qualche cosa capace di suscitare negli altri una simile emozione, capace di animare i più segreti pensieri.

Se mi fosse possibile, in qualche modo, riprodurre la canzone di Danijar!

In essa non c’erano quasi parole, essa apriva senza parole l’anima profonda dell’uomo. Né prima, né dopo, mai ho udito una canzone simile: non somigliava né alle canzoni kazake, né alle canzoni kirghise, ma c’era in essa qualcosa delle due e delle altre. La musica di Danijar portava in sé tutte le più belle melodie dei due popoli fratelli e le fondeva in una sola canzone impossibile a ripetersi. Era una canzone dei monti e delle steppe, che ora s’alzava sonora come i monti kirghisi e ora si stendeva senza barriere come la steppa kazaka. ~ Chingiz Aitmatov
113:[Il buon lettore] non appartiene a una nazione o a una classe specifica. Non c'è direttore di coscienza o club del libro che possa gestire la sua anima. Il suo modo d'accostarsi a un'opera di narrativa non è determinato da quelle emozioni giovanili che portano il lettore mediocre a identificarsi con questo o quel personaggio e a "saltare le descrizioni". Il buon lettore, il lettore ammirevole, non s'identifica con il ragazzo o la ragazza del libro, ma con il cervello che quel libro ha pensato e composto. Non cerca in un romanzo russo informazioni sulla Russia, perché sa che la Russia di Tolstoj o di Cechov non è la Russia della storia ma un mondo specifico immaginato e creato da un genio individuale. Al lettore ammirevole non interessano le idee generali; ma la visione particolare. Gli piace il romanzo non perché gli permette di inserirsi nel gruppo; gli piace perché assorbe e capisce ogni particolare del testo, gode di ciò che l'autore voleva fosse goduto, sorride interiormente e dappertutto, si lascia eccitare dalle magiche immagini del grande falsario, del fantasioso falsario, del prestigiatore, dell'artista. In realtà, di tutti i personaggi creati da un grande artista, i più belli sono i suoi lettori. ~ Vladimir Nabokov
114:Dopo qualche istante, il capitano aveva sospirato. «Senti il bisogno di dare una risposta a questa tragedia, storico?» aveva chiesto. «Tutti quei volumi che hai letto sul pensiero di altri uomini e altre donne. Su altri tempi. Come risponde un uomo alla domanda su ciò che quelli della sua razza sono capaci di fare? Ognuno di noi, soldato o civile, arriva a un punto in cui ciò che ha visto lo cambia dentro? Irrimediabilmente e indefinitamente? E allora che cosa diventiamo? Meno umani o più umani? Abbastanza umani o troppo umani?»
Duiker era rimasto in silenzio per un lungo minuto, gli occhi sul terriccio che circondava il masso su cui sedeva. Infine si era schiarito la gola. «Ognuno di noi ha la propria soglia, amico. Soldati o civili, non possiamo fare altro che prendere ciò che riusciamo prima di lanciarci... in qualcosa di nuovo. Come se il mondo intorno a noi fosse cambiato, mentre è cambiato solo il nostro modo di guardarlo. Un cambiamento di prospettiva, ma non una questione di capacità intellettuale: vediamo ma non proviamo emozioni, oppure piangiamo ma osserviamo la nostra sofferenza come se fossimo al di fuori di noi. Non è possibile dare una risposta, Lull. Più umano o meno umano... sta a te decidere.» ~ Steven Erikson
115:Il Consiglio dei Topi

Un Gatto, che diceano il Mangialardo,
facea dei Topi un così gran macello,
e tanti nell’avello
n’avea sospinti e sbigottiti tanti,
che i pochi vivi ancora

non osavano il muso cacciar fuora.
Quatti nei buchi sen morian di fame,
tanta paura avean di quel, non gatto,
ma carnefice infame.
Un giorno tuttavia, colto il momento
che il gatto andò a far visita all’amante
e stette in alto tutta la giornata,
si radunano i Topi a parlamento.

Il presidente ch’era una persona
di gran senno, propose, e parve
bello a tutti il suo consiglio,
che si attaccasse al gatto un campanello,
un campanel che suona
e dia l’avviso ai topi di fuggire,
quando il nemico accenna di venire.

- Bravo, bene, benissimo! – Ciascuno
approva la mozione.
Ma quando si trattò di sceglier quello
che attaccare doveva il campanello,
non si trovò nessuno.
O fossi matto… io no… fossi corbello…
Vedendo ch’era chiacchiera perduta,
il presidente leva la seduta.

Ho veduto qualche altro parlamento,
(non di topi) e qualche altra commissione
che venne alla precisa conclusione.
A ciarlar son bravi in cento,
ma diverso è ben l’affare
quando trattasi di fare. ~ Jean de La Fontaine
116:Luke cominciò a correre verso di me, lasciando cadere i fiori e la maglia a terra man mano che ci avvicinavamo.Mi sembrava di non correre abbastanza in fretta.Il mio corpo bramava di volare, di cancellare lo spazio tra di noi, di essere circondato dalle sue braccia davanti a tutto il mondo sotto le luci abbaglianti dello stadio. Persino i giocatori della squadra avversaria fischiavano e urlavano mentre correvamo l’uno verso l’altra. Ma niente, niente, era paragonabile alla prorompente ovazione che scoppiò nell’arena quando mi gettai tra le sue braccia tese. Queste ultime si chiusero intorno a me come bande di ferro, e Luke espirò profondamente tra i miei capelli mentre avvolgevo le gambe intorno alla sua vita e le braccia intorno al suo collo. Mi sentivo così al sicuro, così adorata. Amata. Era un’emozione troppo grande per essere contenuta, troppo pura per essere reale.Ma era reale.«Ti amo anch’io» sussurrai nel suo orecchio.Lui piegò la testa all’indietro per guardarmi in viso, e per un momento ci sorridemmo l’un l’altra. Poi la sua bocca catturò la mia in un bacio dolce e appassionato, e ogni cosa sparì tranne noi. Tutto ciò che potevo vedere, sentire, odorare e assaggiare era Luke. Il mondo intero avrebbe potuto guardarci, e non avrebbe avuto importanza. ~ Karla Sorensen
117:È la tempesta perfetta, papà, e colpisce come un’enorme palla da demolizione che compare dal nulla e sbatte dritta contro il cervello. Distrugge tutto. Le tue emozioni sono un macello: un attimo piangi, l’attimo dopo ridi, quello dopo ancora riesci a malapena a sollevare la testa per l’agonia in cui sei caduto. La vita si restringe: non ti interessano più le stesse cose di prima e reagisci in modo esagerato alle cose che per te contano adesso. Hai bisogno di sostegno ma vuoi rimanere solo. Addio memoria a breve termine. Ogni passo è come farsi strada a fatica in una fossa piena di fango. Ti senti improvvisamente esausta e riesci solo a dormire. Ti giudichi di continuo col senno di poi. Non riesci a guardare nessuno negli occhi, per paura di trovarci il biasimo, o il sospetto o il giudizio. Ti senti piccolo, debole, in colpa. Fai pensieri strani, fai cose strane. Hai tutti i nervi a fior di pelle, ma il cervello diventa un casino indistinto e inaffidabile. Piangi tanto che non ci vedi più e il cibo perde sapore, ma all'improvviso riesci a sentire l’odore di un calzino sporco tre camere più in là. L’umore va su, va giù, giù, su, come sulle montagne russe impazzite, a folle velocità, fuori controllo, e non puoi scendere, non importa quanto lunga o tremenda sia la corsa. ~ Laura Wiess
118:Reich would soon back a request from Angelo Mozilo, Countrywide’s white-haired, unnaturally tanned CEO. Mozilo wanted an exemption from the Section 23A rules that prevented Countrywide’s holding company from tapping the discount window through a savings institution it owned. Sheila and the FDIC were justifiably skeptical, as was Janet Yellen at the Federal Reserve Bank of San Francisco, in whose district Countrywide’s headquarters were located. Lending indirectly to Countrywide would be risky. It might well already be insolvent and unable to pay us back. The day after the discount rate cut, Don Kohn relayed word that Janet was recommending a swift rejection of Mozilo’s request for a 23A exemption. She believed, Don said, that Mozilo “is in denial about the prospects for his company and it needs to be sold.” Countrywide found its reprieve in the form of a confidence-boosting $2 billion equity investment from Bank of America on August 22—not quite the sale that Janet thought was needed, but the first step toward an eventual acquisition by Bank of America. Countrywide formally withdrew its request for a 23A exemption on Thursday August 30 as I was flying to Jackson Hole, Wyoming, to speak at the Kansas City Fed’s annual economic symposium. The theme of the conference, chosen long before, was “Housing, Housing Finance, and Monetary Policy. ~ Ben S Bernanke
119:Non sono tipo da messaggi o da idee io… Le idee, ne è piena l’enciclopedia… Io sono uno stilista. Un maniaco dello stile. Oh una cosa da nulla, una certa musichetta introdotta nello stile, tutto qui. Sono l’ultimo musicista del romanzo! Il resto, immaginazione, creatività e roba del genere, non mi interessa. La lingua, nient’altro che la lingua, ecco l’importante. La foto non è il vero: il vero lo si fa barando al modo giusto. Se prendi un bastone e vuoi farlo apparire diritto nell’acqua, devi prima curvarlo sennò sembra rotto. Bisogna romperlo prima di immergerlo. È un vero lavoro, è il lavoro dello stilista. Ci vuole un enorme respiro, grande sensibilità, è difficilissimo da fare, perché bisogna girarle attorno. Attorno a che? All’emozione! Perché in principio non era il verbo, era l’emozione. L’argot non si fa con il dizionario, ma con immagini nate dall’odio; è l’odio che fa l’argot! Tutti hanno voluto imitarmi, nessuno c’è riuscito… Mi prendono per un primitivo, un rozzo… Io invece sono un raffinato, un aristocratico, e quei cretini credono che improvvisi… Io so far ballare i tavolini e loro no, ecco la verità! I miei libri moriranno anche loro, e presto, si capisce, ma almeno avranno vissuto! Tanto i posteri saranno i cinesi… E quelli se ne fregheranno altamente della mia letteratura fessa e del mio stile vacca e dei miei tre puntini… ~ Louis Ferdinand C line
120:«Ti vedono interpretare quella parte da così tanto tempo e si dimenticano che è solo un ruolo in uno spettacolo. Così, ogni volta che viene loro ricordato che non è reale, lo prendono come un tradimento o un attacco a una cosa che amano.»
«Esatto» disse Cash. «La gente diventa dipendente dal mondo di fantasia che le offri, e si rivolta contro di te appena accenni a rompere l’illusione. Sai, se fossi una rockstar nessuno parlerebbe di me. L’unico motivo per cui faccio così scalpore è che il mio comportamento è diverso da quello del dottor Bumfuzzle. Capisci?»
«Assolutamente» disse Sam a bassa voce. «La gente si aspetta troppo e poi ti critica quando le sue aspettative non vengono soddisfatte. È colpa tua, perché non sei la persona che vogliono che tu sia. Sei tu quello strano. Sei tu il mostro. In realtà, tutto quello che stai cercando di essere... è te stesso.»
Non riusciva a capire se fosse il whisky o la conversazione, ma Sam stava provando emozioni sempre più forti. Volse lo sguardo alle luci della città per nascondere gli occhi lucidi.
Cash era sorpreso che Sam capisse così bene la situazione. «Esatto» disse. «È sempre stata questa la cosa più difficile da gestire nel mio lavoro a Wiz Kids. Non c’è niente di peggio che accorgersi che tutti ti credono diverso da quello che sei. Ti fa sentire solo, è frustrante, e più doloroso di quanto si possa..» ~ Chris Colfer
121:Di colpo era come se Katherine fosse nella stanza accanto e l'avesse lasciata solo qualche istante prima. Sentì un pizzicore alle dita, come se la stesse toccando. Il senso di quella perdita, che aveva rinchiuso così a lungo dentro di sé, straripò sommergendolo mentre lui si lasciava portare alla deriva, oltre il controllo della sua volontà, perché ormai non voleva più salvarsi. Poi sorrise di gioia, come sull'onda di un ricordo: pensò che aveva quasi sessant'anni e avrebbe dovuto essersi lasciato alle spalle la forza di una tale passione, di un tale amore. Ma sapeva di non averlo fatto. Sapeva che non l'avrebbe fatto mai. Oltre il torpore, l'indifferenza, la rimozione, quell'amore era ancora lì, solido e intenso. Non se n'era mai andato. In gioventù l'aveva dato liberamente, senza pensarci; l'aveva dato a quella conoscenza che gli era stata rivelata - quanti anni prima? - da Archer Sloane. L'aveva dato a Edith, nei primi, ciechi, folli anni del corteggiamento e del matrimonio. E l'aveva dato a Katherine, come se fosse stata la prima volta. Stranamente, l'aveva dato a ogni momento della sua vita, e forse l'aveva dato più pienamente proprio quando non si rendeva conto di farlo. Non era una passione della mente e nemmeno dello spirito: era piuttosto una forza che comprendeva entrambi, come se non fossero che la materia, la sostanza specifica dell'amore stesso. A una donna o a una poesia, il suo amore diceva semplicemente: Guarda! Sono vivo! ~ John Williams
122:Gli esseri che ne hanno la possibilità - è vero che si tratta degli artisti, e io ero convinto da tempo che non lo sarei mai stato - hanno anche il dovere di vivere per sé; ora, l'amicizia è una dispensa da questo dovere, un'abdicazione a se stessi. Persino la conversazione, che dell'amicizia è il modo d'esprimersi, è una divagazione superficiale, che non ci fa acquistare nulla. Possiamo conversare tutta una vita senza far altro che ripetere all'infinito il vuoto di un minuto, mentre il cammino del pensiero, nel lavoro solitario della creazione artistica, si snoda in profondità, l'unica direzione che non ci sia preclusa, e nella quale ci sia dato anzi dl progredire - sebbene con maggior fatica - verso un risultato di verità. E l'amicizia non soltanto è priva, come la conversazione, di qualsiasi virtù; è anche funesta. Infatti l'impressione di noia cui non possono sottrarsi, quando rimangono accanto agli amici - cioè alla superficie di se stessi - anziché proseguire nel profondo il loro itinerario di scoperte, quelli fra noi la cui legge dl sviluppo sia puramente interna, questa impressione di noia, quando poi ci ritroviamo soli, l'amicizia ci persuade a rettificarla, a ricordare con emozione le parole dell'amico, a considerarle come un apporto prezioso, mentre noi non siamo come costruzioni cui si possano aggiungere pietre dall'esterno, ma come alberi che traggono dalla propria Iinfa il nodo successivo del loro fusto, il piano superiore della loro fogliazione. ~ Marcel Proust
123:Seleziono Avril Lavigne “ILove you” e faccio partire la canzone. Sento iniziare la musica, e l’emozione inizia a scorrere nelle mie vene mentre lui alza il volume e posso sentire le parole della canzone anche da dove sono seduta sul suo grembo. So che potrebbe non ricordarselo domani. So che i suoi occhi sono scuri, e fargli ascoltare questo brano potrebbe non contare come averlo detto a parole, ma abbiamo passato così tante notti insieme.
Emozionata dalle parole sento la musica continuare e osservo il suo viso, morsicandomi il labbro mentre studio la sua espressione. Ogni parola è così perfetta, l’intera canzone è rivolta a noi due, incluso il ritornello che spero di ascoltare proprio ora:

"You're so beautiful
But that's not why
I love you
I'm not sure you know
That the reason I love you is you
Being you
Just youYeah the reason
I love you
Is all that we've been through
And that's why
I love you"

Lui l’ascolta mentre valuta il mio viso, la sua espressione intenta mentre studia il mio volto. Le mie labbra piene. I miei occhi color ambra.
"Falla ripartire ancora " La sua voce suona così aspra, che devo quasi leggere le sue labbra per capire quello che ha detto. Clicco sul pulsante per riprodurre il brano, ma invece di ascoltare la canzone nuovamente come mi aspettavo, mi tira su e mi rivolta sulla schiena, quindi sposta le cuffie sulla mia testa e li adegua al mio viso più piccolo appena la canzone inizia. E nel secondo successivo, sto ascoltando la canzone "ILove You", che ho appena fatto sentire a lui.

Brooke Dumas ~ Katy Evans
124:« Quello che avrei potuto dirle, per aiutarla, l'ho capito solo più tardi ripensando a quel giorno, al suo salto, alla sua follia. Le avrei dovuto dire che tanti saltano nello stesso modo via dalla loro vita, oltre se stessi, rischiando tutto per sentirsi davvero vivi. Avrei dovuto dirle che tutti lo fanno chiusi nelle loro paure, chiusi dentro la botte mefitica delle loro paure. Un posto piccolissimo, molto nero, dove sei solo, e fai fatica a respirare. Non c'è nulla che si possa fare per cambiare le cose e già si è fortunati se qualcuno ha avuto per noi l'attenzione di mettere una piccola musica, là dentro; o se capita di avere un amico ad aspettarci in un'ansa del fiume per riportarci a casa, in una qualche casa.
Questo, le avrei dovuto dire. Invece solo la strinsi fa le mie braccia, e non fui capace di dire niente. Piccola Rachel...
Davvero si sarebbe meritata un giorno di gloria, lei e quegli altri due matti, sa il cielo come mi mancano. Ma non è andata così, spesso non va così. Si semina, si raccoglie, e non c'è nesso tra una cosa e l'altra. Ti insegnano che c'è, ma... non so, io non l'ho mai visto. Accade di seminare, accade di raccogliere, tutto lì.
Per questo la saggezza è un rito inutile e la tristezza un sentimento inesatto, sempre.
Seminammo con cura, tutti, quella volta, seminammo immaginazione, e follia e talento. Ecco cosa abbiamo raccolto, un frutto ambiguo: la luce bella di un ricordo e il privilegio di una commozione che per sempre ci renderà eleganti, e misteriosi. Voglia il cielo che questo basti a salvarci, per tutto il tempo che ci sarà dato, ancora. » ~ Alessandro Baricco
125:Le parole sono una forma elementare di mnemonica: una sequenza di suoni (l’alfabeto) usati per ricordare qualsiasi cosa, dalla più piccola alla più grande. Il linguaggio è, in sostanza, il ricorso a queste particolari mnemotecniche – le parole – per creare significato. E il parlare altro non è che un sistema ... mnemonico: un sistema che ha permesso all’Homo sapiens di assumere il controllo dell’intero mondo. È il linguaggio, e il linguaggio soltanto, con la sua mnemonica, che crea la memoria nel momento in cui l’Homo sapiens ne fa esperienza. Persino le scimmie più intelligenti non hanno pensieri, al massimo reazioni condizionate a certe pressioni primordiali, primi fra tutti il bisogno di cibo e il timore di fronte a minacce fisiche. Si badi bene, però, che la mnemonica non è semplicemente al servizio del linguaggio: la mnemonica è il linguaggio. Per tutta la storia del parlare umano – ed è irrilevante azzardare le solite congetture paleontologiche riguardo la sua datazione – l’uomo ha convertito oggetti, azioni, pensieri, concetti ed emozioni in codici chiamati convenzionalmente parole. Oggi nessuno sa – e non c’è ragione di ritenere che qualcuno avrà mai buone probabilità di saperlo – quando sia accaduto all’Homo sapiens di usare le parole come mnemonica, ma attualmente vi sono in tutto il mondo sei-settemila sistemi mnemonici diversi, meglio noti come lingue. Questi, e questi soli, sono il linguaggio. Semplici e chiari. Potrà anche essere divertente starsene a guardare individui, peraltro di comprovata intelligenza, spaccarsi il cranio contro lo stesso firewall: intere mandrie, intere generazioni, ere, età, un intero, luminoso firmamento di individui... Ma fino a quando? ~ Tom Wolfe
126:Di solito non parlo con gli sconosciuti. Non mi piace parlare con chi non conosco. E non per via della famosa frasa Non Dare Confidenza Agli Sconosciuti che ci ripetono continuamente a scuola, che tradotto vuol dire non accettare caramelle o un passaggio da uno sconosciuto perché vuole fare sesso con te. Non è questo che mi preoccupa. Se un estraneo mi toccassse lo colpirei immediatamente, e io so colpire molto forte. Come per esempio quella volta che ho preso a pugni Sarah perché mi aveva tirato i capelli e l’ho fatta svenire e le è venuta una commozione cerebrale e avevano dovuto portarla al pronto soccorso. E poi ho sempre con me il mio coltellino svizzero che ha una lama a seghetto in grado di tranciare le dita a un uomo.
Non mi piacciono gli estranei perché non mi piacciono le persone che non conosco. Sono difficili da capire. È come essere in Francia, dove andavamo qualche volta in campeggio quando mio madre era ancora viva. E io odiavo la Francia perché se entravo in un negozio o in un ristorante o andavo in spiaggia non capivo quel che dicevano, e la cosa mi terrorizzava.

Ci metto un sacco di tempo per abituarmi alle persone che non conosco. Per esempio, quando c’è una persona nuova che viene a lavorare a scuola non le parlo per settimane e settimane. Rimango a osservarla finché non sono certo di potermi fidare. Poi le faccio delle domande su di lei, sulla sua vita, del tipo se ha degli animali e qual è il suo colore preferito e cosa sa dell’Apollo e le chiedo di disegnarmi una piantina della sua casa e voglio sapere che macchina ha, così imparo a conoscerla. Da quel momento in poi non mi preoccupo più se mi capita di trovarmi nella stessa stanza con questa persona e non sono più obbligato a stare all’erta. ~ Mark Haddon
127:Ott, a kocsmában zavarosan magyaráztam, hogy a szépségnek azért másik oldala is van, hogy kapcsolatunk ezzel a szép tájjal, ezzel a szép veknivel azon is múlik, mennyire képes szeretni az ember azt is, ami kellemetlen, sivár, mennyire képes szeretni ezt a tájat esős óráiban és napjaiban, amikor korán sötétedik, amikor az ember bent ül a kályhánál és azt hiszi, tíz óra elmúlt, pedig még csak fél hét van, mennyire képes szeretni azt, hogy egyszerre csak önmagával beszél, hogy megszólítja a lovacskát, a kutyát, a macskát meg a kecskét, hogy legszívesebben egyedül van és önmagával társalog, először csak szép halkan, amolyan mozit játszik, hagyja leperegni a múlt képeit, de később, mint ahogy az velem is történt, megszólítja önmagát, tanácsot ad önmagának, kérdezősködik és kérdéseket tesz fel, kihallgatja önmagát, hogy kiszedje magából a legmélyebb titkot, s mint az ügyész, benyújtja maga ellen a vádiratot és védekezik, és ekképpen, az önmagával folytatott, váltakozó párbeszéddel eljut az élet értelméig, nem ahhoz, ami volt és régen történt, hanem előrenézve, hogy milyen utat tett meg, és milyen az, ami előtte áll, és vajon jut-e még rá idő, hogy az elmélkedéssel olyan nyugalmat nyerjen, ami mentessé teszi a vágytól, hogy elmeneküljön a magány elől, a leglényegibb kérdések elől, amelyek feltevésére kell hogy ereje és bátorsága legyen az embernek… így aztán én, az útkaparó, aki minden szombaton estig a kocsmában ültem, minél tovább üldögéltem ott, annál jobban kiadtam magam az embereknek, annál többet gondoltam a kocsma előtt álldogáló lovacskámra, a szikrázó magányra új otthonomban, láttam, hogyan árnyékolják be nekem az emberek azt, amit látni és tudni akartam, hogy csak szórakoznak, ahogyan egykor én is szórakoztam, hogy mindegyikük húzza-halasztja a kérdést, amit egyszer fel kell tennie, ha lesz olyan szerencsés, hogy halála előtt jut még rá ideje… ~ Bohumil Hrabal
128:«Non vuoi parlare un po’ di più della questione dell’autismo? Continuo ad accennarlo, ma nessuno vuole discuterne con me.»
Angel scrollò le spalle. «Tu senti il bisogno di parlarmene?»
Il giovane considerò la domanda. Ne sentiva il bisogno? In troppi volevano che etichettasse i suoi sentimenti, i suoi meccanismi di difesa, il modo in cui riusciva a stare sul palco e a cantare esprimendo emozioni che non era in grado di catalogare dentro se stesso. «Non proprio.»
«Una cosa...» disse Angel.
Il petto di Corey si contrasse. Ecco. Le aveva già sentite tutte. Com’è? Provi emozioni? Cos’è quella gigantesca collezione di fumetti? Come fai ad avere una conoscenza enciclopedica dei film della Disney? Sei sempre così maleducato?
Le solite domande. Ma si trattava di Angel, e lui non era quel tipo di persona.
«Dimmi,» lo incoraggiò, nonostante la tensione che provava dentro di sé.
«Ti è piaciuto quel bacio? Puoi... ti andrebbe di rifarlo?»
Angel sembrava nervoso. Nonostante spesso Corey fosse incapace di leggere le emozioni altrui, era chiaro che il ragazzo non riusciva a mettere insieme una frase.
«Eri bellissimo,» disse Corey, o meglio, buttò fuori tutto in una volta. «Ricordi quando stavamo cercando dei vestiti? Eri proprio davanti a me, stavi saltellando dentro e fuori dai jeans e volevo toccarti, la sensazione del materiale mi stava agitando, così mi sono concentrato su di te e il pensiero che le camicie mi facevano male ha cominciato a sparire. Volevo baciarti allora e volevo baciarti quando è successo, anche se forse tu non eri dell’idea. È una cosa bruttissima, vero?»
Angel scrollò le spalle, indicò la chitarra e Corey gliela passò. Il ragazzo la appoggiò delicatamente sul cuscino accanto a loro e con un movimento fluido saltò in grembo a Corey. Gli prese il volto tra le mani e gli posò un bacio sulle labbra.
«Okay?» mormorò Angel. «Posso stare così?»
Per tutta risposta, Corey gli artigliò i fianchi e si protese per dargli un altro bacio ~ R J Scott
129:In biblioteca, attraverso la porta aperta, vide Blay e Saxton che parlavano. Poi suo cugino fece un passo avanti e prese Blay tra le braccia. Rimasero cosi, stretti l'uno contro l'altro; Qhuinn fece un respiro profondo e si sentì morire un pochino anche lui.Ecco come siamo finiti, pensò.Vite separate, futuri separati.Difficile credere che all'inizio erano inseparabili...All'improvviso gli occhi azzurri di Blay incrociarono i suoi.
E ciò che Qhuinn vi colse lo fece vacillare: quel volto splendeva d'amore, un amore puro e inalterato dalla timidezza che era parte integrante del suo riserbo. Blay non distolse lo sguardo.E per la prima volta... non lo fece neanche Qhuinn. Non sapeva se quell'emozione era legata a suo cugino - probabilmente sì - ma decise di godersela: guardò Blaylock dritto negli occhi, lasciando trasparire sul suo viso tutto ciò che aveva nel cuore.Lo lasciò trapelare in piena libertà.Perché c'era una lezione nella cerimonia funebre di quella sera: possiamo perdere in un batter d'occhio quelli che amiamo. E quando succede, c'è da scommetterci, non pensiamo a tutti i motivi che avrebbero potuto dividerci: pensiamo a tutti i motivi che ci univano.E di sicuro rimpiangiamo amaramente di non aver avuto più tempo a disposizione, anche se abbiamo avuto secoli e secoli...Da giovani pensiamo che il tempo sia un peso, qualcosa da scaricare il prima possibile per poter crescere. Ma è un tragico errore... da adulti capiamo che i minuti e le ore sono la cosa più preziosa che abbiamo.Nessuno ha a disposizione tutta l'eternità ed è un delitto sprecare il tempo che ci è dato da vivere.Basta, pensò Qhuinn. Basta con le scuse, basta scappare, basta cercare di essere qualcun altro, chiunque altro.Anche se restava fregato, anche se il suo prezioso piccolo ego e il suo stupidissimo cuoricino andavano in mille pezzi, era ora di piantarla con le stronzate.Era ora di comportarsi da persona matura. Esatto, amico, pensò Qhuinn vedendo che Blay cominciava a raddrizzarsi come se avesse colto il messaggio. Il nostro futuro è arrivato. ~ J R Ward
130:Certa gente perde una creatura amata e tira dritto e sposta il proprio affetto su un'altra. Ma è doloroso. Troppo doloroso. L'amore supera l'istinto. Quando ami smetti di vivere per te stesso. Vivi per un'altra persona. La sofferenza è l'emozione più forte che un uomo o un bambino o un animale possano provare. E' una buona sensazione. La sofferenza ti spinge a lasciare te stesso. Esci dal tuo piccolo e limitato guscio. E non puoi soffrire se prima non hai amato. La sofferenza è l'esito finale dell'amore, perché è amore perduto. È il completamento del ciclo dell'amore: amare, perdere, soffrire, lasciare e lasciarsi, poi amare di nuovo. Soffrire è la consapevolezza che dovrai essere solo, e al di là di questo non c'è nulla, perché essere solo è il destino ultimo, definitivo di ogni creatura vivente. Ecco cos'è la morte: la grande solitudine. La conoscenza della mancanza di coscienza. Quando moriremo non ce ne accorgeremo, perché morire è perdere tutto quanto. Ma soffrire è morire ed essere vivi allo stesso tempo. L'esperienza più assoluta, più totale che si possa provare. È troppo. Il corpo arriva quasi a distruggersi, con tutti quei sussulti, quelle contorsioni. Ma io voglio provare dolore. Versare lacrime. La sofferenza ti unisce di nuovo a ciò che hai perso. E' una fusione. Te ne vai anche tu con la cosa o la persona amata che scompare. In un certo senso, ti dividi da te stesso e l'accompagni, fai con lei una parte del viaggio. La segui sin dove ti è concesso spingerti. Ma alla fine, la sofferenza se ne a e tu torni in sintonia con il mondo. Senza l'altro. E riesci ad accettarlo. Che altra scelta abbiamo? Piangi, continui a piangere, perché non torni mai del tutto indietro dal posto in cui sei andato con l'altro. Un frammento che si è staccato dal tuo cuore pulsante è ancora là. C'è una lesione. Una ferita che non guarisce mai. E se ti succede una volta e un'altra e un'altra volta ancora, col tempo se ne va una parte troppo grande del tuo cuore e non riesci più a soffrire. E allora tu stesso sei pronto a morire. Salirai la scala in diagonale e qualcun altro resterà indietro a soffrire per te. ~ Philip K Dick
131:Ne hidd, hogy semmi nők voltak. Az egyiknek különösen nagy érzéke volt a magasra, a másik egyenesen az önfeledtség tehetsége, a harmadikban a kizárólagosságot bámultam, azt, hogy csak én, és senki más. De az első végeredményben csak szép intermezzot várt és kapott, a második ájultságot, a harmadik mindössze nem tudott védekezni. És mind a három nyert, csak én vesztettem. Mert én minden alkalommal valódi összenövést vesztettem. Mindegyiknek külön az ő számára kigondolt nagyszerű élettel lettem szegényebb, élettel, ami azelőtt nem volt, és én teremtettem neki. Mihelyt ezt észrevette, megfutamodott. Sok volt neki. Persze még csak nem is szégyellte magát, és persze még én voltam, aki olyasmit követeltem tőle, amit nem tudott. Ó igen, legalább és egyelőre kétszobás berendezett lakás, jó jövedelem, színház, mozi, hangverseny. Nyáron utazás Olaszországba vagy Svájcba. Ez volt életideáljuk első pontja, a második, háromszor egy héten szerelem, és néhány év múlva majd gyerek. Mellékutca-eszmény, mint akkor a legtöbb nőé. Hittek abban, hogy a boldogság az életstandardból fakad. Mikor látták, hogy én a dolgot megfordítom, és azt állítom, hogy a magas élet teremti meg az anyagi teljességet, félni kezdtek tőlem. Kérdezz meg mindenkit, akit csak tudsz, mindenki azt fogja mondani, nekik volt igazuk, ők voltak a józanok, és én az őrült. Nem tudják, hogy ezzel milyen ítéletet mondanak önmaguk fölött. Egy állam nem virágozhat más talajon, csak az összetartozás elemi örömén; emberi sors nem teljesülhet máshol, csak az életbe való tökéletes beleolvadásban; szerelem is csak a mindenekfölött való összetartozáson és az egymásba való beleolvadásban teljesülhet és virágozhat. Mind a három elárult. Kinek? Önmagának. De ezzel elárulta önmagát is. Mind a három tele volt magas képességgel, de egyiknek sem volt tehetsége a közös életre. Egy ideig mind a három sorsát figyelemmel tudtam kísérni, és láttam, hogy mind a három összetört. Egyszer, egyetlenegyszer abban a kitüntetésben részesülhettek, hogy a legszebb életet megvalósíthatták volna. Amit most élnek, az előbbihez képest szégyen. Féltek meghalni, és e félelembe belehaltak. ~ B la Hamvas
132:A Kiskosár környékén, akármilyen volt is az idő, párok sétáltak, fiatal, egyenruhás tisztek fiatal nőkkel, csendben, egymásba feledkezve, és én, aki pincére voltam az abesszin császárnak, ilyet még sosem láttam, s elképzelni sem tudtam volna, s csak később jöttem rá a dolog nyitjára, hogy a lehetőség, hogy ez a két ember sosem látja viszont egymást… hogy ez a lehetőség tette széppé ezeket az embereket, hogy ez volt az az újember, nem pedig a győzedelmes, nagyhangú és gőgös, épp ellenkezőleg, ez az alázatos, merengő ember, egy rémült állatka szép szemével… és én is megtanultam ezeknek a szerelmespároknak – mert a közelgő frontszolgálat itt a házastársakat is újra szerelmesekké változtatta –, szóval megtanultam az ő szemükkel nézni a tájat, a virágot az asztalon, a játszadozó gyerekeket, megtanultam, hogy minden óra oltáriszentség, mert a frontra való indulást megelőző napon és éjjelen a szerelmesek már nem aludtak, nem mintha az ágyban lettek volna, volt itt valami, ami az ágynál is több volt, a szemek és a két ember kapcsolata, amit jóformán egész pincéréletem alatt nem tapasztaltam ilyen erővel, mint ahogyan itt láttam és megéltem… És bár pincér voltam, sőt néha főúr is, tulajdonképpen úgy éreztem itt magam, mint egy nagy színházban vagy moziban, mintha valami szerelmes darabot, filmet néznék… és arra is rájöttem, hogy két ember között a legemberibb kapcsolat a csönd, egy csendes óra, végül csak negyedóra, és az utolsó pár perc szaga, mikor előáll a kocsi, olykor katonai bricska, máskor autó, és a két csendes ember föláll, hosszan nézi egymást, egy utolsó sóhaj, egy utolsó csók, és a bricskában felágaskodik a tiszt alakja, aztán leül, a kocsi elindul fölfelé a hegynek, az utolsó visszafordulás, kendőlobogtatás, és amikor a kocsi vagy autó lassan eltűnik a hegy mögött, mint a lemenő nap, és már semmi sem történik, a Kiskosár bejárata előtt ott áll egy nő, egy német asszony, egy könnyes szemű ember, és még mindig integet a kezével, melyből kihullott a kendő… hogy aztán sarkon forduljon és görcsösen zokogva felrohanjon a lépcsőn a kis szobába, s ott, mint az apáca, aki férfit látott a kolostorban, arccal az ágyra veti magát, beletemetkezik a párnába, és sokáig rázza az erőt adó sírás… ~ Bohumil Hrabal
133:Quando ero piccola mia madre mi lesse una storia su una ragazzina cattiva. La lesse a me e a mia sorella: ce ne stavamo rannicchiate contro il suo corpo sedute sul divano, mentre lei leggeva ad alta voce un libro che teneva sulle ginocchia. La luce della lampada splendeva su di noi, avvolte da una coperta. La ragazza della storia era bella e crudele. Sua madre era povera, perciò la mandava a lavorare per una famiglia di persone ricche che la viziavano e la coccolavano, ma le dicevano anche di andare a trovare la madre. Lei però si sentiva troppo importante, e si limitava a farsi vedere. Un giorno quella gente ricca la mandò a casa con una pagnotta per la madre, ma quando la ragazza si trovò davanti a una pozzanghera di fango, per non sporcarsi le scarpe ci buttò il pane, e ci mise i piedi sopra. La pagnotta affondò come in una palude, e lei affondò con essa, scendendo giù giù fino a un mondo popolato di demoni e creature orribili. Dal momento che era bella, la regina dei demoni ne fece una statua per donarla al suo bisnipote. La ragazza venne coperta da serpenti e melma, intrappolata e circondata dall’odio di ogni altra creatura. Soffriva la fame, ma non riusciva a mangiare il pane che non le si staccava dai piedi, e poteva sentire quello che la gente diceva di lei: un ragazzo che passava di lì aveva visto che cosa le era successo e lo aveva raccontato a tutti, e tutti dicevano che se lo meritava, persino sua madre diceva che se lo meritava. La ragazza non poteva muoversi, ma anche se avesse potuto avrebbe finito per torcersi di rabbia. “Non è giusto!”, urlò mia madre, facendo il verso alla ragazza cattiva.
Io me ne stavo seduta contro mia madre mentre ci raccontava la storia, e forse per questo mi sembrò di non sentirla semplicemente con le orecchie: la sentii nel suo corpo. Sentivo una ragazza che voleva essere troppo bella. Sentivo una madre che voleva amarla. Sentivo un demone che voleva torturarla. E li sentivo così strettamente mescolati dentro di me che non c’era modo di separare tutte quelle emozioni. La storia mi terrorizzò e mi misi a piangere. Mia madre mi prese tra le sue braccia. “Aspetta”, disse, “la storia non è finita: lei sarà salvata dalle lacrime di una bambina innocente come te”. Mia madre mi baciò sulla fronte per poi finire di raccontare la storia. E io l’ho dimenticata per molto, molto tempo. ~ Mary Gaitskill
134:Da quanto tempo sono qui?”
“Da molti anni,” rispose. “Se non fosse stato per lui, avrebbe potuto diventare un’eternità.”
James si sentì stringere il cuore, anche se forse quel senso di costrizione era dovuto alla fatica. Sì, grazie a lui, certo non grazie a te. Dov’è Peter? Non intendo andarmene senza di lui.”
La regina sembrava perplessa, anche se indovinare le emozioni di una libellula non era affatto facile. “E se lui dovesse decidere di restare?”
“Non lo farà.”
“La scelta è sua. Se resti ancora ad aspettarlo, rischierai di perdere di nuovo te stesso.”
James tentò di fare una smorfia anche se il suo viso sembrava congelato. “Non fingere d’essere preoccupata,” sibilò. “Se avessi davvero voluto aiutarmi, avresti smesso di creare questa maledetta tempesta per farmelo ritrovare senza prima morire congelato.”
La risata della regina era dissonante e fastidiosa e gli fece tremare i denti. “Oh, James,” disse, “Ma questa tempesta è la sua.”
James spalancò la bocca e la richiuse in fretta.
“Certo,” disse alla fine. “Avrei dovuto capirlo subito.”
Si sentiva svuotato. Aveva davvero pensato che quella tempesta che stava cercando in ogni modo di tenerlo lontano da Peter fosse stata creata dall’isola, o dalle fate o da qualche altra forza magica e crudele.
E invece era stato proprio Peter – Peter stava cercando di tenerlo lontano o forse stava soltanto sfogando la sua rabbia contro il mondo, senza pensare a cosa sarebbe potuto succedere a James.
“Non ti sei mai accorto che ogni suo sorriso fa spuntare il sole?” Aggiunse la regina. “Era un altro dei desideri che aveva da bambino.”
James rise a fatica. “E io invece non ho desiderato mai nient’altro che una ciurma di pirati.”
“Le sue storie sono molto più ardite delle tue.”
“Non posso lasciarlo qui.”
“Quanto a lungo pensi di poter restare attaccato ai tuoi ricordi?” Chiese la regina. “Ti dimenticherai tutto. Come sempre, non riuscirai a resistere alla tentazione.” Gli atterrò sulle mani; di colpo erano diventate calde, il freddo dimenticato e i tagli lasciati dalle rocce della scogliera erano scomparsi. James si disse che sarebbe stato inutile, e probabilmente fatale, schiacciarla fra le mani. “Dovresti andare via subito,” gli disse, “Finché sei ancora in tempo.”
L’idea di andare via senza Peter lo dilaniava, ma anche il pensiero di perdersi di nuovo gli era intollerabile. Avrebbe continuato a vagabondare alla ricerca di Peter fino a dimenticarne la ragione e senza mai riuscire a ritornare a quella vita che aveva quasi già perso ~ Austin Chant
135:(…) Az extrém luciditás Európában másfélezer évvel ezelőtt egyszer már felvillant, amikor a görög mítosz felbomlott, de akkor az ember csak cinikus lett és frivol. A görög ízlés megóvta attól, hogy korruptabb legyen. A hellenizmus cinizmusa és frivolitása is az örök rend felbomlása fölött érzett kétségbeesés következménye, de a graeculusok még elmerülhettek abban, hogy létüket elviccelték. Az újkor elején a megrázkódtatás mérgezettebb volt. A középkori hazugságrendszer az emberiséget oly mélyen megsebezte, hogy desperát dühében csak egy tökéletesen vallástalan és elszántan életélvező világ felépítésére gondolhatott. Ebből a szempontból Descartes koncepciója tulajdonképpen trauma eredménye, és mindaz, amit a következő századok gondoltak, e traumából keletkezett. A legutóbbi négy évszázad minden korszerű elméletének jelentősége nem azon múlt, hogy az igaz volt, vagy sem, hanem azon, hogy a középkori klerikalizmus ellen táplált animozitásnak milyen méretekben és milyen radikálisan adott hangot. Az egész újkori fizika és asztronómia tulajdonképpen bosszú volt a Biblián. Teljesen függetlenül attól, hogy az elméletek a valóságnak megfeleltek, vagy sem, az úgynevezett tudomány hatása azon múlt, mennyire tudta a klerikalizmus világképét kompromittálni. Később egy Kant, vagy Darwin, vagy Haeckel, vagy Freud esetében alig marad más, mint vigyorgó káröröm, amelynek sikerült a középkort lelepleznie és a szocializmus sem egyéb, mint gyűlölködő visszaköpködés az eredetre, vagyis a kereszténységre, és a materializmus sem más, mint bosszú a középkori spiritualizmuson. A majomtól való származás hipotézise semmi egyéb, mint grimasz az isteni származás gondolatára, és enélkül egyáltalán nem is érthető, és a fontos benne nem az, hogy tény, hanem, hogy sért. Az újkor egész gondolkozását az határozza meg, hogy ellen-vallás és ellen-klerikalizmus és ellen-kereszténység. Az életrendet az határozza meg, hogy minden szellemi fegyelmet lehajít, és brutálisan életélvező. Az egész tudományt az határozza meg, hogy ellen-hagyomány (Guénon). Minden gondolat, minden találmány és minden elmélet és minden fölfedezés mögött a középkori kereszténység ellen táplált ressentiment áll, vagyis az egész újkort tulajdonképpen és végeredményben a klérus ezeréves hazugságrendszere determinálja. Semmi új itt nincs, ez a négyszáz év ugyanaz, ami volt, fordított előjellel. Semmi eredeti, még a hazugság, az erőszak, a kizsákmányolás területén sem, ismétlése az árulásnak és a besúgásnak, az inkvizíciónak és a könyvelégetésnek, a cenzúrának és a máglyának, és a börtönöknek és a tömegmészárlásnak. ~ B la Hamvas
136:Ascolta bene, Wanda. So esattamente ciò che non vuoi essere. Ma noi siamo umani, ed egoisti, e non facciamo sempre la cosa giusta! Non ti lasceremo andare. Fattene una ragione

«Viandante? Ti stiamo aspettando tutti, piccola. Apri gli occhi.»Questa voce, il respiro caldo che mi sfiorava l'orecchio, era ancora più familiare. Percepii una strana sensazione quando la sentii. Una sensazione mai provata prima. Mi mozzò il respiro e mi fece tremare le dita.Volevo vedere quel viso, quella voce.Un'ondata di colore invase la mia mente - un colore che mi chiamava da una vita lontana - un blu acceso, brillante. L'universo era blu e acceso.


I miei occhi trovarono il blu che cercavo. Zaffiro, neve e mezzanotte.«Ian? Ian, dove sono?» Il suono della voce che mi uscì dalle labbra mi spaventò. Acuto e stridulo. Familiare, ma non mio. «Chi sono?»«Tu sei tu» rispose Ian. «E sei di nuovo a casa.»


«Ti ho tenuta in mano, Viandante. Ed eri bellissima.»


«No. È grossa abbastanza solo per te.»«Non voglio restare solo. Però...»Perché non me lo chiedeva? «Però cosa?»«Sei riuscita a pensarci un po' su? Non voglio metterti fretta. So che sei confusa... a proposito di Jared...»Impiegai un istante a capire cosa voleva dirmi, e reagii con un risolino soffocato. In genere, Melanie non si lasciava andare, Luna invece sì, e il suo corpo mi tradiva nei momenti meno opportuni.«Che c'è?» domandò Ian.«Ero io ad aspettare che ci pensassi su» bisbigliai. «Non volevo metterti fretta, perché so che sei confuso. A proposito di Melanie.»Un sobbalzo impercettibile, di sorpresa. «Pensavi...? Ma Melanie non sei tu, non mi sono mai sentito confuso.»Sorridevo nel buio. «E tu non sei Jared.»Rispose circospetto. «Resta pur sempre Jared. E tu lo ami.»Era ancora geloso? Non avrei dovuto lasciarmi lusingare da un'emozione negativa, ma dovevo ammettere che mi gratificava.«Jared è il passato, un'altra vita. Tu sei il mio presente.»Tacque per un momento. Quando riprese a parlare, la sua voce era gon-fia di emozione. «E il tuo futuro, se lo vuoi.»«Sì, te ne prego.»Mi baciò nella maniera meno platonica possibile, in mezzo alla calca, mentre ripensavo con eccitazione alla mossa smaliziata e spontanea con cui avevo aggiunto un anno alla mia età.Terminata la stagione delle piogge, Ian sarebbe diventato il mio compa-gno, nel vero senso della parola. Era una promessa, un impegno al quale non mi ero mai sottoposta, in tutte le mie vite. Ripensarci mi riempiva di gioia, di ansia, di timidezza e di impazienza... mi faceva sentire umana.

«Il diciottesimo!» Avevo mentito, aggiungendo un anno.Con la coda dell'occhio, vidi Melanie e Ian sobbalzare di sorpresa. Il mio corpo non dimostrava affatto i suoi quasi diciassette anni.Fu quel piccolo imbroglio, quella rivendicazione preventiva del mio compagno, a farmi capire che sarei rimasta con loro. Con Ian e il resto del-la mia famiglia. Sentii un gonfiore strano chiudermi la gola.


«Melanie sarà mia per sempre. E io sarò per sempre suo.» ~ Stephenie Meyer
137:Essere amato da una fanciulla casta, rivelarle per primo lo strano mistero dell'amore, è certamente una grande gioia, ma è anche la cosa più usuale del mondo. Impadronirsi di un cuore che non è abituato agli assalti è come entrare in una città aperta, senza presidi. L'educazione, il senso del dovere e della famiglia, sono validissime sentinelle, ma non c'è sentinella abbastanza vigile che non possa essere ingannata da una fanciulla di sedici anni, alla quale, attraverso la voce dell'uomo amato, la natura dà quei primi consigli d'amore tanto più ardenti in quanto apparentemente puri.
Più la fanciulla crede al bene, più facilmente si abbandona, se non all'amante, almeno all'amore, perché, essendo senza diffidenza, è senza forza, e farsi amare da lei è un trionfo che ogni uomo di venticinque anni può ottenere tutte le volte che vuole.
[...] Ma essere amato da una cortigiana è una vittoria molto più difficile. In loro, il corpo ha logorato l'anima, i sensi hanno guastato il cuore, la sregolatezza inaridito i sentimenti. Le parole che diciamo loro, le conoscono da tempo, il nostro comportamento è cosa già nota, lo stesso amore che ispirano, l'hanno più volte venduto. Amano per mestiere, e non per trasporto. Sono difese meglio dai loro calcoli che una vergine dalla madre o dal convento: così hanno inventato la parola capriccio per quegli amori non venali che si concedono ogni tanto come riposo, come scusa o come consolazione; simili a quegli usurai che depredano mille persone, e che credono di riscattarsi prestando una volta venti franchi a un povero diavolo che muore di fame, senza interessi e senza ricevuta.
Poi, quando Dio permette l'amore a una cortigiana quest'amore, che inizialmente sembra un perdono, diventa quasi sempre, per lei, un castigo. Non c'è assoluzione senza penitenza. Quando una creatura, che ha da rimproverarsi un intero passato, si sente improvvisamente presa da un amore profondo, sincero, irresistibile, di cui non si sarebbe mai creduta capace; quando confessa questo amore, come la domina l'uomo amato! Come si sente forte del crudele diritto di dirle "Non fate per amore più di quello che avete fatto per denaro".
Allora non sanno più che prova dare. Un bambino, racconta la favola, dopo essersi divertito un pezzo a gridare in un campo "Aiuto!" per infastidire i contadini, un bel giorno fu divorato da un orso, senza che coloro, che tante volte aveva ingannato, credessero vere le sue grida. Accade la stessa cosa a quelle infelici donne, quando amano seriamente. Hanno mentito tante volte, che nessuno le crede più, e sono, in preda ai loro rimorsi, divorate dall'amore.
Da ciò derivano le grandi abnegazioni, gli austeri ritiri, di cui alcune hanno dato l'esempio.
Ma quando l'uomo che ispira quell'amore redentore ha l'anima abbastanza generosa per accettarlo dimenticando il passato, quando vi si abbandona, insomma quando ama, com'è amato! Esaurisce d'un tratto tutte le possibilità terrene di emozioni, e, dopo quell'amore, il suo cuore sarà chiuso a ogni altro. ~ Alexandre Dumas fils
138:Gli studenti alla Camera “Ma come, state tutto il tempo sui videogiochi?” L’Istituto tecnico di Frattamaggiore choccato Lettera alla Boldrini: troppi deputati distratti Scotto Capogruppo di Sel, ha raccolto la protesta e ha incontrato i ragazzi 514 parole Non si può vietare l’uso di tablet e telefonini?», chiedono indignati gli studenti di un istituto campano, l’Itis di Frattamaggiore, che entrati in aula alla Camera per la prima volta gonfi di emozione, non credono ai loro occhi di fronte allo spettacolo «indecoroso» di deputati distratti e indifferenti a quanto si discute in aula, cioè la riforma dell’assetto istituzionale. La scena risale allo scorso gennaio, ma i ragazzi restano così scioccati che tornati a scuola decidono di mandare una lettera alla Boldrini con toni accorati. Una missiva venuta a galla quando il capogruppo di Sel, il napoletano Arturo Scotto, venutone a conoscenza, pur non essendo tra quelli da sette in condotta, si è preso la briga di chiedere scusa per lettera a nome dei deputati per questo comportamento «inaccettabile». Poi, un venerdì di due settimane fa, il 17 aprile, Scotto va a trovarli nella loro scuola e si sottopone ad un fuoco di fila di domande. Nella lettera i ragazzi parlano del «caos inimmaginabile» che hanno trovato in una giornata di dibattito sulle riforme costituzionali. Ecco cosa dicono: «Tutto si faceva tranne che discutere su come cambiare questo Paese che a noi, nuove generazioni, non piace affatto. Abbiamo osservato basiti dalla platea deputati che giocavano a “Tetris, Candy Crash e Fruit Ninja”, invece di partecipare ai lavori parlamentari. C’era poi chi messaggiava su “ WhatsApp” o chi navigava sul web intrattenendosi sui noti e famosi social network. E non è tutto. Alcuni parlamentari si intrattenevano leggendo la Gazzetta dello Sport o magari conversavano tranquillamente al cellulare». Insomma, quello che doveva essere un momento solenne da conservare nella memoria si trasforma in un flop educativo. Ecco alla fine cosa ne ricavano i ragazzi di Frattamaggiore: «Tutto questo tra la piena indifferenza collettiva. Ci siamo guardati negli occhi e ci siamo chiesti: a cosa serve insegnarci ad essere persone educate e rispettose del lavoro se poi sono in primis le istituzioni a non rispettare queste regole basilari per qualsivoglia società civile?». Encomiabile dunque il coraggio di Scotto, che da capogruppo sempre obbligato a stare in aula attento a quanto accade in ogni passaggio, è andato a misurarsi con loro in assemblea. Dove si è sentito rivolgere pure domande specifiche sulle riforme, a parte la rabbia «contro un’aula svogliata di una platea per nulla animata da grillismo». «Mi scuso, ma guardate, è vero che non è bello vedere i deputati che stanno attaccati al cellulare, ma se venivate ieri mi avreste trovato al telefono che parlavo con i sindacalisti di Fiom e Uil sulla vicenda dei licenziamenti Whirlpool». E per dire che non sempre è una forma di disattenzione, ha provato a spiegare come funziona la Camera. «Certo le riforme dovrebbero avere la massima attenzione, ma capita ad esempio la legge sul codice della strada dove interviene solo chi ha seguito questa materia specifica in commissione: gli altri votano seguendo le indicazioni dei gruppi». [CAR. BER.] ~ Anonymous
139:Siamo tutti di sangue misto noi austriaci, specialmente noi cosiddetti austriaci di ceppo germanico: figli di un impero dalle più disparate etnie, razze, religioni. Se non ci ostinassimo comicamente a sentirci tuttora austriaci, anche dopo la scomparsa di quel leggendario impero, dovremmo riconoscere di essere addirittura americani... ma per arrivare a questo ci manca l’acume politico... È così purtroppo: le idee sono spesso surrogate dalle emozioni. Sono più dure a morire, resistono meglio al tempo, e tanto meglio quanto più sono irrazionali. Per esempio il grande sogno tedesco, il sogno dell’Impero, dello scomparso Sacro Romano Impero di Nazione Germanica di Carlo Magno... già l’imperatore Barbarossa ci si è addormentato su così profondamente, là sul Kyffhauser, che la barba gli è dovuta crescere attraverso il tavolo di pietra sul quale si appoggia... Ricostituire questo impero, riunificarlo, " farlo rivivere in tutta la sua potenza e il suo mistico splendore – ebbene: questo era già cent’anni fa il proposito della gioventù di lingua tedesca, è ancor oggi il suo sogno e la sua aspirazione, e non importa se questa gioventù, tedesca di lingua, tedesca di pensieri, tedesca di sentimenti, ha probabilmente nelle vene, là sulle rive del Reno, fin dai tempi di Arminio il Cherusco e dei suoi avversari romani, sangue in buona parte nubiano e libico, e nelle regioni a est dell’Elba, soprattutto in quelle che sono il cuore della riedizione bismarckiana di quell’lmpero, soprattutto sangue borussico e finnico e vendico; e perfino lungo il fiume dei Nibelunghi, nei paesi così cari al nostro cuore, sangue sloveno e boemo... Non importa: ha sentimenti germanici questa gioventù tedesca, imperial—germanici, pan- germanici, nevvero? Incalzata da quest’ansia, nei suoi sogni si vede già all’ombra della grande, fluttuante bandiera nero-rosso— oro — questa bandiera giovane più di tutte le bandiere, con quel nero che è presagio di morte, quel rosso che è ribollire di sangue e quell’oro che è inebriante promessa di vagheggiati destini... In verità mi chiedo commosso: chi son io mai perche' mi sia dato ancora di vivere una simile emozione! Un giovane tedesco, uno sbarbatello, se mi è consentito di esprimermi così liberamente, neppure adolescente, ancora un ragazzo: e già si esibisce orgogliosamente nella divisa dei campioni della libertà, epigoni dello Sturm und Drang nell’ideale della sempre vagheggiata e sempre fallita rivoluzione tedesca. Attestiamo il sogno tedesco, qui, nella culla dei voivodi rumeni, tra i fiumi Prut e Siret, circondati da rumeni, ruteni, polacchi, lipovani ed ebrei galiziani, orgogliosamente incuranti dell’eventuale rischio di esporci al ridicolo in un travestimento che ricorda il gatto con gli stivali —- com’e‘ bella anche questa fedeltà al patrimonio favolistico popolare tedesco!... No no, non dobbiamo vergognarci, siamo nel giusto, in ogni senso: anche questo regno di Romania nel quale oggi viviamo, è ancora talea e pollone dell’Unico Grande Impero, al suo vertice sta pur sempre un monarca della casa Hohenzollern-Sigmaringen, un principe tedesco... Mi si permetta di esprimere la mia incondizionata ammirazione per un atto di fede tanto coraggioso da spazzar via ogni meschina considerazione di opportunità politica! ~ Gregor von Rezzori
140:Ora il commissario aveva perso di vista il picciliddro, ma la direzione che aveva pigliato non lo poteva portare che in un solo posto e quel posto era un loco chiuso, una specie di vicolo cieco tra la parete posteriore del vecchio silos e il muro di recinzione del porto, che non permetteva altre strate di fuitina. Oltretutto lo spazio era ingombro di taniche e buttiglie vacanti, di centinara di cassette rotte di pisci, di almeno dù o tri motori scassati di pescherecci. Difficile cataminarsi in quel cafarnao di giorno, figurarsi alla splapita luce di un lampione! Sicuro che il picciliddro lo stava taliando, se la pigliò fintamente commoda, caminò con lintizza, un pedi leva e l’altro metti, s’addrumò persino una sigaretta. Arrivato all’imbocco di quel vudeddru si fermò e disse a voce vascia e quieta: “Veni ccà, picciliddru, nenti ti fazzu”.
Nisciuna risposta. Ma, attisando le grecchie, al di là della rumorata che arrivava dalla banchina, come una risaccata fatta di vociate, chianti, lamenti, biastemie, colpi di clacson, sirene, sgommate, nitidamente percepì l’ansimo sottile, l’affanno del picciliddro che doviva trovarsi ammucciato a pochi metri.
“Avanti, veni fora, nenti ti fazzu”.
Sentì un fruscio. Veniva da una cascia di ligno proprio davanti a lui. Il picciliddro certamente vi si era raggomitolato darrè. Avrebbe potuto fare un salto e agguantarlo, ma preferì restarsene immobile. Poi vitti lentamente apparire le mano, le vrazza, la testa, il petto. Il resto del corpo restava cummigliato dalla cascia. Il picciliddro stava con le mano in alto, in”segno di resa, l’occhi sbarracati dal terrore, ma si sforzava di non chiangiri, di non dimostrare debolezza.
Ma da quale angolo di ‘nfernu viniva si spiò improvvisamente sconvolto Montalbano se già alla so età aveva imparato quel terribile gesto delle mano isate che certamente non aviva visto fare nè al cinema nè alla televisione?
Ebbe una pronta risposta, pirchì tutto ‘nzemmula nella so testa ci fu come un lampo, un vero e proprio flash. E dintra a quel lampo, nella so durata, scomparsero la cascia, il vicolo, il porto, Vigàta stessa, tutto scomparse e doppo arricomparse ricomposto nella grannizza e nel bianco e nero di una vecchia fotografia, vista tanti anni prima ma scattata ancora prima, in guerra, avanti che lui nascesse, e che mostrava un picciliddro ebreo, o polacco, con le mano in alto, l’istessi precisi occhi sbarracati, l’istissa pricisa volontà di non mittirisi a chiangiri, mentri un sordato gli puntava contro un fucile.
Il commissario sentì una violenta fitta al petto, un duluri che gli fece ammancari il sciato, scantato serrò le palpebre, li raprì nuovamente. E finalmente ogni cosa tornò alle proporzioni normali, alla luce reale, e il picciliddro non era più ebreo o polacco ma nuovamente un picciliddro nìvuro. Montalbano avanzò di un passo, gli pigliò le mano agghiazzate, le tenne stritte tra le sue. E arristò accussì, aspittanno che tanticchia del suo calore si trasmettesse a quelle dita niche niche. Solo quanno lo sentì principiare a rilassarsi, tenendolo per una mano, fece il primo passo. Il picciliddro lo seguì, affidandosi docilmente a lui. E a tradimento a Montalbano tornò a mente François, il piccolo tunisino che sarebbe potuto diventare suo figlio, come voleva Livia. Arriniscì a tempo a bloccare la commozione a costo di muzzicarsi quasi a sangue il labbro di sutta. Lo sbarco continuava. ~ Andrea Camilleri
141:Washing-Day
--- and their voice,
Turning again towards childish treble, pipes
And whistles in its sound. --The Muses are turned gossips; they have lost
The buskined step, and clear high-sounding phrase,
Language of gods. Come then, domestic Muse,
In slipshod measure loosely prattling on
Of farm or orchard, pleasant curds and cream,
Or drowning flies, or shoe lost in the mire
By little whimpering boy, with rueful face;
Come, Muse, and sing the dreaded Washing-Day.
Ye who beneath the yoke of wedlock bend,
With bowed soul, full well ye ken the day
Which week, smooth sliding after week, brings on
Too soon;—for to that day nor peace belongs
Nor comfort;—ere the first gray streak of dawn,
The red-armed washers come and chase repose.
Nor pleasant smile, nor quaint device of mirth,
E'er visited that day: the very cat,
From the wet kitchen scared and reeking hearth,
Visits the parlour,—an unwonted guest.
The silent breakfast-meal is soon dispatched;
Uninterrupted, save by anxious looks
Cast at the lowering sky, if sky should lower.
From that last evil, O preserve us, heavens!
For should the skies pour down, adieu to all
Remains of quiet: then expect to hear
Of sad disasters,—dirt and gravel stains
Hard to efface, and loaded lines at once
Snapped short,—and linen-horse by dog thrown down,
And all the petty miseries of life.
Saints have been calm while stretched upon the rack,
And Guatimozin smiled on burning coals;
But never yet did housewife notable
Greet with a smile a rainy washing-day.
—But grant the welkin fair, require not thou
Who call'st thyself perchance the master there,
Or study swept, or nicely dusted coat,
193
Or usual 'tendance;—ask not, indiscreet,
Thy stockings mended, though the yawning rents
Gape wide as Erebus; nor hope to find
Some snug recess impervious: shouldst thou try
The 'customed garden walks, thine eye shall rue
The budding fragrance of thy tender shrubs,
Myrtle or rose, all crushed beneath the weight
Of coarse checked apron,—with impatient hand
Twitched off when showers impend: or crossing lines
Shall mar thy musings, as the wet cold sheet
Flaps in thy face abrupt. Woe to the friend
Whose evil stars have urged him forth to claim
On such a day the hospitable rites!
Looks, blank at best, and stinted courtesy,
Shall he receive. Vainly he feeds his hopes
With dinner of roast chicken, savoury pie,
Or tart or pudding:—pudding he nor tart
That day shall eat; nor, though the husband try,
Mending what can't be helped, to kindle mirth
From cheer deficient, shall his consort's brow
Clear up propitious:—the unlucky guest
In silence dines, and early slinks away.
I well remember, when a child, the awe
This day struck into me; for then the maids,
I scarce knew why, looked cross, and drove me from them:
Nor soft caress could I obtain, nor hope
Usual indulgencies; jelly or creams,
Relic of costly suppers, and set by
For me their petted one; or buttered toast,
When butter was forbid; or thrilling tale
Of ghost or witch, or murder—so I went
And sheltered me beside the parlour fire:
There my dear grandmother, eldest of forms,
Tended the little ones, and watched from harm,
Anxiously fond, though oft her spectacles
With elfin cunning hid, and oft the pins
Drawn from her ravelled stocking, might have soured
One less indulgent.—
At intervals my mother's voice was heard,
Urging dispatch: briskly the work went on,
All hands employed to wash, to rinse, to wring,
To fold, and starch, and clap, and iron, and plait.
194
Then would I sit me down, and ponder much
Why washings were. Sometimes through hollow bowl
Of pipe amused we blew, and sent aloft
The floating bubbles; little dreaming then
To see, Mongolfier, thy silken ball
Ride buoyant through the clouds—so near approach
The sports of children and the toils of men.
Earth, air, and sky, and ocean, hath its bubbles,
And verse is one of them—this most of all.
~ Anna Laetitia Barbauld
142:Ode To Remorse
Dread offspring of the holy light within,
Offspring of Conscience and of Sin,
Stern as thine awful sire, and fraught with woe
From bitter springs thy mother taught to flow,—
Remorse! To man alone 'tis given
Of all on earth, or all in heaven,
To wretched man thy bitter cup to drain,
Feel thy awakening stings, and taste thy wholesome pain.
Midst Eden's blissful bowers,
And amaranthine flowers,
Thy birth portentous dimmed the orient day,
What time our hapless sire,
O'ercome by fond desire,
The high command presumed to disobey;
Then didst thou rear thy snaky crest,
And raise thy scorpion lash to tear the guilty breast:
And never, since that fatal hour,
May man, of woman born, expect to' escape thy power.
Thy goading stings the branded Cain
Cross the' untrodden desert drove,
Ere from his cradling home and native plain
Domestic man had learnt to rove.
By gloomy shade or lonely flood
Of vast primeval solitude,
Thy step his hurried steps pursued,
Thy voice awoke his conscious fears,
For ever sounding in his ears
A father's curse, a brother's blood;
Till life was misery too great to bear,
And torturing thought was lost in sullen, dumb despair.
The king who sat on Judah's throne,
By guilty love to murder wrought,
Was taught thy searching power to own,
When, sent of Heaven, the seer his royal presence sought.
As, wrapt in artful phrase, with sorrow feigned,
He told of helpless, meek distress,
86
And wrongs that sought from power redress,
The pity-moving tale his ear obtained,
And bade his better feelings wake:
Then, sudden as the trodden snake
On the scared traveller darts his fangs,
The prophet's bold rebuke aroused thy keenest pangs.
And O that look, that soft upbraiding look!
A thousand cutting, tender things it spoke,—
The sword so lately drawn was not so keen,—
Which, as the injured Master turned him round,
In the strange solemn scene,
And the shrill clarion gave the' appointed sound,
Pierced sudden through the reins,
Awakening all thy pains,
And drew a silent shower of bitter tears
Down Peter's blushing cheek, late pale with coward fears.
Cruel Remorse! where Youth and Pleasure sport,
And thoughtless Folly keeps her court,—
Crouching midst rosy bowers thou lurk'st unseen;
Slumbering the festal hours away,
While Youth disports in that enchanting scene;
Till on some fated day
Thou with a tiger-spring dost leap upon thy prey,
And tear his helpless breast, o'erwhelmed with wild dismay.
Mark that poor wretch with clasped hands!
Pale o'er his parent's grave he stands,—
The grave by his ingratitude prepared;
Ah then, where'er he rests his head,
On roses pillowed or the softest down,
Though festal wreaths his temples crown,
He well might envy Guatimozin's bed,
With burning coals and sulphur spread,
And with less agony his torturing hour have shared.
For Thou art by to point the keen reproach;
Thou draw'st the curtains of his nightly couch,
Bring'st back the reverend face with tears bedewed,
87
That o'er his follies yearned;
The warnings oft in vain renewed,
The looks of anguish and of love,
His stubborn breast that failed to move,
When in the scorner's chair he sat, and wholesome counsel spurned.
Lives there a man whose labouring breast
Is with some dark and guilty secret prest,
Who hides within its inmost fold
Strange crimes to mortal ear untold?
In vain to sad Chartreuse he flies,
Midst savage rocks and cloisters dim and drear,
And there to shun thee tries:
In vain untold his crime to mortal ear,
Silence and whispered sounds but make thy voice more clear.
Lo, where the cowled monk with frantic rage
Lifts high the sounding scourge, his bleeding shoulders smites!
Penance and fasts his anxious thoughts engage,
Weary his days and joyless are his nights,
His naked feet the flinty pavement tears,
His knee at every shrine the marble wears;—
Why does he lift the cruel scourge?
The restless pilgrimage why urge?
'Tis all to quell thy fiercer rage,
'Tis all to soothe thy deep despair,
He courts the body's pangs, for thine he cannot bear.
See o'er the bleeding corse of her he loved,
The jealous murderer bends unmoved,
Trembling with rage, his livid lips express
His frantic passion's wild and rash excess.
O God, she's innocent!—transfixt he stands,
Pierced thro' with shafts from thine avenging hands;
Down his pale cheek no tear will flow,
Nor can he shun, nor can he bear, his woe.
'Twas phantoms summoned by thy power
Round Richard's couch at midnight hour,
That scared the tyrant from unblest repose;
With frantic haste, “To horse! to horse!” he cries,
88
While on his crowned brow cold sweat-drops rise,
And fancied spears his spear oppose;
But not the swiftest steed can bear away
From thy firm grasp thine agonizing prey,
Thou wast the fiend, and thou alone;
That stood'st by Beaufort's mitred head,
With upright hair and visage ghastly pale:
Thy terrors shook his dying bed,
Past crimes and blood his sinking heart assail,
His hands are clasped,—hark to that hollow groan!
See how his glazed, dim eye-balls wildly roll,
'Tis not dissolving Nature's pains; that pang is of the soul.
Where guilty souls are doomed to dwell,
'Tis thou that mak'st their fiercest hell,
The vulture thou that on their liver feeds,
As rise to view their past unhallowed deeds;
With thee condemned to stay,
Till time has rolled away
Long æras of uncounted years,
And every stain is washed in soft repentant tears.
Servant of God—but unbeloved—proceed,
For thou must live and ply thy scorpion scourge;
Thy sharp upbraidings urge
Against the' unrighteous deed,
Till thine accursed mother shall expire,
And a new world spring forth from renovating fire.
O! when the glare of day is fled,
And calm, beneath the evening star,
Reflection leans her pensive head,
And calls the passions to her solemn bar;
Reviews the censure rash, the hasty word,
The purposed act too long deferred,
Of time the wasted treasures lent,
And fair occasions lost and golden hours misspent:
When anxious Memory numbers o'er
Each offered prize we failed to seize;
Or friends laid low, whom now no more
89
Our fondest love can serve or please,
And thou, dread power! bring'st back in terrors drest,
The' irrevocable past, to sting the careless breast;—
O! in that hour be mine to know,
While fast the silent sorrows flow,
And wisdom cherishes the wholesome pain,
No heavier guilt, no deeper stain,
Than tears of meek contrition may atone,
Shed at the mercy-seat of Heaven's eternal throne.
~ Anna Laetitia Barbauld
143:BY MICHING MALLECHO, Esq.

Is it a party in a parlour,
Crammed just as they on earth were crammed,
Some sipping punchsome sipping tea;
But, as you by their faces see,
All silent, and alldamned!
Peter Bell, by W. Wordsworth.

Ophelia.What means this, my lord?
Hamlet.Marry, this is Miching Mallecho; it means mischief. ~Shakespeare.

PROLOGUE
Peter Bells, one, two and three,
O'er the wide world wandering be.
First, the antenatal Peter,
Wrapped in weeds of the same metre,
The so-long-predestined raiment
Clothed in which to walk his way meant
The second Peter; whose ambition
Is to link the proposition,
As the mean of two extremes
(This was learned from Aldric's themes)
Shielding from the guilt of schism
The orthodoxal syllogism;
The First Peterhe who was
Like the shadow in the glass
Of the second, yet unripe,
His substantial antitype.
Then came Peter Bell the Second,
Who henceforward must be reckoned
The body of a double soul,
And that portion of the whole
Without which the rest would seem
Ends of a disjointed dream.
And the Third is he who has
O'er the grave been forced to pass
To the other side, which is,
Go and try else,just like this.
Peter Bell the First was Peter
Smugger, milder, softer, neater,
Like the soul before it is
Born from that world into this.
The next Peter Bell was he,
Predevote, like you and me,
To good or evil as may come;
His was the severer doom,
For he was an evil Cotter,
And a polygamic Potter.
And the last is Peter Bell,
Damned since our first parents fell,
Damned eternally to Hell
Surely he deserves it well!
PART THE FIRST
DEATH
And Peter Bell, when he had been
With fresh-imported Hell-fire warmed,
Grew seriousfrom his dress and mien
'Twas very plainly to be seen
Peter was quite reformed.
His eyes turned up, his mouth turned down;
His accent caught a nasal twang;
He oiled his hair; there might be heard
The grace of God in every word
Which Peter said or sang.
But Peter now grew old, and had
An ill no doctor could unravel;
His torments almost drove him mad;
Some said it was a fever bad
Some swore it was the gravel.
His holy friends then came about,
And with long preaching and persuasion
Convinced the patient that, without
The smallest shadow of a doubt,
He was predestined to damnation.
They said'Thy name is Peter Bell;
Thy skin is of a brimstone hue;
Alive or deaday, sick or well
The one God made to rhyme with hell;
The other, I think, rhymes with you.'
Then Peter set up such a yell!
The nurse, who with some water gruel
Was climbing up the stairs, as well
As her old legs could climb themfell,
And broke them boththe fall was cruel.
The Parson from the casement lept
Into the lake of Windermere
And many an eelthough no adept
In God's right reason for itkept
Gnawing his kidneys half a year.
And all the rest rushed through the door,
And tumbled over one another,
And broke their skulls.Upon the floor
Meanwhile sat Peter Bell, and swore,
And cursed his father and his mother;
And raved of God, and sin, and death,
Blaspheming like an infidel;
And said, that with his clenchd teeth
He'd seize the earth from underneath,
And drag it with him down to hell.
As he was speaking came a spasm,
And wrenched his gnashing teeth asunder;
Like one who sees a strange phantasm
He lay,there was a silent chasm
Between his upper jaw and under.
And yellow death lay on his face;
And a fixed smile that was not human
Told, as I understand the case,
That he was gone to the wrong place:
I heard all this from the old woman.
Then there came down from Langdale Pike
A cloud, with lightning, wind and hail;
It swept over the mountains like
An ocean,and I heard it strike
The woods and crags of Grasmere vale.
And I saw the black storm come
Nearer, minute after minute;
Its thunder made the cataracts dumb;
With hiss, and clash, and hollow hum,
It neared as if the Devil was in it.
The Devil was in it:he had bought
Peter for half-a-crown; and when
The storm which bore him vanished, nought
That in the house that storm had caught
Was ever seen again.
The gaping neighbours came next day
They found all vanished from the shore:
The Bible, whence he used to pray,
Half scorched under a hen-coop lay;
Smashed glassand nothing more!
PART THE SECOND
THE DEVIL
The Devil, I safely can aver,
Has neither hoof, nor tail, nor sting;
Nor is he, as some sages swear,
A spirit, neither here nor there,
In nothingyet in everything.
He iswhat we are; for sometimes
The Devil is a gentleman;
At others a bard bartering rhymes
For sack; a statesman spinning crimes;
A swindler, living as he can;
A thief, who cometh in the night,
With whole boots and net pantaloons,
Like some one whom it were not right
To mention;or the luckless wight
From whom he steals nine silver spoons.
But in this case he did appear
Like a slop-merchant from Wapping,
And with smug face, and eye severe,
On every side did perk and peer
Till he saw Peter dead or napping.
He had on an upper Benjamin
(For he was of the driving schism)
In the which he wrapped his skin
From the storm he travelled in,
For fear of rheumatism.
He called the ghost out of the corse;
It was exceedingly like Peter,
Only its voice was hollow and hoarse
It had a queerish look of course
Its dress too was a little neater.
The Devil knew not his name and lot;
Peter knew not that he was Bell:
Each had an upper stream of thought,
Which made all seem as it was not;
Fitting itself to all things well.
Peter thought he had parents dear,
Brothers, sisters, cousins, cronies,
In the fens of Lincolnshire;
He perhaps had found them there
Had he gone and boldly shown his
Solemn phiz in his own village;
Where he thought oft when a boy
He'd clomb the orchard walls to pillage
The produce of his neighbour's tillage,
With marvellous pride and joy.
And the Devil thought he had,
'Mid the misery and confusion
Of an unjust war, just made
A fortune by the gainful trade
Of giving soldiers rations bad
The world is full of strange delusion
That he had a mansion planned
In a square like Grosvenor Square,
That he was aping fashion, and
That he now came to Westmoreland
To see what was romantic there.
And all this, though quite ideal,
Ready at a breath to vanish,
Was a state not more unreal
Than the peace he could not feel,
Or the care he could not banish.
After a little conversation,
The Devil told Peter, if he chose,
He'd bring him to the world of fashion
By giving him a situation
In his own serviceand new clothes.
And Peter bowed, quite pleased and proud,
And after waiting some few days
For a new liverydirty yellow
Turned up with blackthe wretched fellow
Was bowled to Hell in the Devil's chaise.
PART THE THIRD
HELL
Hell is a city much like London
A populous and a smoky city;
There are all sorts of people undone,
And there is little or no fun done;
Small justice shown, and still less pity.
There is a Castles, and a Canning,
A Cobbett, and a Castlereagh;
All sorts of caitiff corpses planning
All sorts of cozening for trepanning
Corpses less corrupt than they.
There is a -, who has lost
His wits, or sold them, none knows which;
He walks about a double ghost,
And though as thin as Fraud almost
Ever grows more grim and rich.
There is a Chancery Court; a King;
A manufacturing mob; a set
Of thieves who by themselves are sent
Similar thieves to represent;
An army; and a public debt.
Which last is a scheme of paper money,
And meansbeing interpreted
'Bees, keep your waxgive us the honey,
And we will plant, while skies are sunny,
Flowers, which in winter serve instead.'
There is a great talk of revolution
And a great chance of despotism
German soldierscampsconfusion
Tumultslotteriesragedelusion
Ginsuicideand methodism;
Taxes too, on wine and bread,
And meat, and beer, and tea, and cheese,
From which those patriots pure are fed,
Who gorge before they reel to bed
The tenfold essence of all these.
There are mincing women, mewing,
(Like cats, who amant miser,)
Of their own virtue, and pursuing
Their gentler sisters to that ruin,
Without whichwhat were chastity?
Lawyersjudgesold hobnobbers
Are therebailiffschancellors
Bishopsgreat and little robbers
Rhymesterspamphleteersstock-jobbers
Men of glory in the wars,
Things whose trade is, over ladies
To lean, and flirt, and stare, and simper,
Till all that is divine in woman
Grows cruel, courteous, smooth, inhuman,
Crucified 'twixt a smile and whimper.
Thrusting, toiling, wailing, moiling,
Frowning, preachingsuch a riot!
Each with never-ceasing labour,
Whilst he thinks he cheats his neighbour,
Cheating his own heart of quiet.
And all these meet at levees;
Dinners convivial and political;
Suppers of epic poets;teas,
Where small talk dies in agonies;
Breakfasts professional and critical;
Lunches and snacks so aldermanic
That one would furnish forth ten dinners,
Where reigns a Cretan-tongud panic,
Lest news Russ, Dutch, or Alemannic
Should make some losers, and some winners;
At conversazioniballs
Conventiclesand drawing-rooms
Courts of lawcommitteescalls
Of a morningclubsbook-stalls
Churchesmasqueradesand tombs.
And this is Helland in this smother
All are damnable and damned;
Each one damning, damns the other
They are damned by one another,
By none other are they damned.
'Tis a lie to say, 'God damns!'
Where was Heaven's Attorney General
When they first gave out such flams?
Let there be an end of shams,
They are mines of poisonous mineral.
Statesmen damn themselves to be
Cursed; and lawyers damn their souls
To the auction of a fee;
Churchmen damn themselves to see
God's sweet love in burning coals.
The rich are damned, beyond all cure,
To taunt, and starve, and trample on
The weak and wretched; and the poor
Damn their broken hearts to endure
Stripe on stripe, with groan on groan.
Sometimes the poor are damned indeed
To take,not means for being blessed,
But Cobbett's snuff, revenge; that weed
From which the worms that it doth feed
Squeeze less than they before possessed.
And some few, like we know who,
Damnedbut God alone knows why
To believe their minds are given
To make this ugly Hell a Heaven;
In which faith they live and die.
Thus, as in a town, plague-stricken,
Each man be he sound or no
Must indifferently sicken;
As when day begins to thicken,
None knows a pigeon from a crow,
So good and bad, sane and mad,
The oppressor and the oppressed;
Those who weep to see what others
Smile to inflict upon their brothers;
Lovers, haters, worst and best;
All are damnedthey breathe an air,
Thick, infected, joy-dispelling:
Each pursues what seems most fair,
Mining like moles, through mind, and there
Scoop palace-caverns vast, where Care
In thrond state is ever dwelling.
PART THE FOURTH
SIN
Lo, Peter in Hell's Grosvenor Square,
A footman in the Devil's service!
And the misjudging world would swear
That every man in service there
To virtue would prefer vice.
But Peter, though now damned, was not
What Peter was before damnation.
Men oftentimes prepare a lot
Which ere it finds them, is not what
Suits with their genuine station.
All things that Peter saw and felt
Had a peculiar aspect to him;
And when they came within the belt
Of his own nature, seemed to melt,
Like cloud to cloud, into him.
And so the outward world uniting
To that within him, he became
Considerably uninviting
To those who, meditation slighting,
Were moulded in a different frame.
And he scorned them, and they scorned him;
And he scorned all they did; and they
Did all that men of their own trim
Are wont to do to please their whim,
Drinking, lying, swearing, play.
Such were his fellow-servants; thus
His virtue, like our own, was built
Too much on that indignant fuss
Hypocrite Pride stirs up in us
To bully one another's guilt.
He had a mind which was somehow
At once circumference and centre
Of all he might or feel or know;
Nothing went ever out, although
Something did ever enter.
He had as much imagination
As a pint-pot;he never could
Fancy another situation,
From which to dart his contemplation,
Than that wherein he stood.
Yet his was individual mind,
And new created all he saw
In a new manner, and refined
Those new creations, and combined
Them, by a master-spirit's law.
Thusthough unimaginative
An apprehension clear, intense,
Of his mind's work, had made alive
The things it wrought on; I believe
Wakening a sort of thought in sense.
But from the first 'twas Peter's drift
To be a kind of moral eunuch,
He touched the hem of Nature's shift,
Felt faintand never dared uplift
The closest, all-concealing tunic.
She laughed the while, with an arch smile,
And kissed him with a sister's kiss,
And said'My best Diogenes,
I love you wellbut, if you please,
Tempt not again my deepest bliss.
''Tis you are coldfor I, not coy,
Yield love for love, frank, warm, and true;
And Burns, a Scottish peasant boy
His errors prove itknew my joy
More, learnd friend, than you.
'Bocca bacciata non perde ventura,
Anzi rinnuova come fa la luna:
So thought Boccaccio, whose sweet words might cure a
Male prude, like you, from what you now endure, a
Low-tide in soul, like a stagnant laguna.'
Then Peter rubbed his eyes severe,
And smoothed his spacious forehead down
With his broad palm;'twixt love and fear,
He looked, as he no doubt felt, queer,
And in his dream sate down.
The Devil was no uncommon creature;
A leaden-witted thiefjust huddled
Out of the dross and scum of nature;
A toad-like lump of limb and feature,
With mind, and heart, and fancy muddled.
He was that heavy, dull, cold thing,
The spirit of evil well may be:
A drone too base to have a sting;
Who gluts, and grimes his lazy wing,
And calls lust, luxury.
Now he was quite the kind of wight
Round whom collect, at a fixed aera,
Venison, turtle, hock, and claret,
Good cheerand those who come to share it
And best East Indian madeira!
It was his fancy to invite
Men of science, wit, and learning,
Who came to lend each other light;
He proudly thought that his gold's might
Had set those spirits burning.
And men of learning, science, wit,
Considered him as you and I
Think of some rotten tree, and sit
Lounging and dining under it,
Exposed to the wide sky.
And all the while, with loose fat smile,
The willing wretch sat winking there,
Believing 'twas his power that made
That jovial sceneand that all paid
Homage to his unnoticed chair.
Though to be sure this place was Hell;
He was the Deviland all they
What though the claret circled well,
And wit, like ocean, rose and fell?
Were damned eternally.
PART THE FIFTH
GRACE
Among the guests who often stayed
Till the Devil's petits-soupers,
A man there came, fair as a maid,
And Peter noted what he said,
Standing behind his master's chair.
He was a mighty poetand
A subtle-souled psychologist;
All things he seemed to understand,
Of old or newof sea or land
But his own mindwhich was a mist.
This was a man who might have turned
Hell into Heavenand so in gladness
A Heaven unto himself have earned;
But he in shadows undiscerned
Trusted,and damned himself to madness.
He spoke of poetry, and how
'Divine it wasa lighta love
A spirit which like wind doth blow
As it listeth, to and fro;
A dew rained down from God above;
'A power which comes and goes like dream,
And which none can ever trace
Heaven's light on earthTruth's brightest beam.'
And when he ceased there lay the gleam
Of those words upon his face.
Now Peter, when he heard such talk,
Would, heedless of a broken pate,
Stand like a man asleep, or balk
Some wishing guest of knife or fork,
Or drop and break his master's plate.
At night he oft would start and wake
Like a lover, and began
In a wild measure songs to make
On moor, and glen, and rocky lake,
And on the heart of man
And on the universal sky
And the wide earth's bosom green,
And the sweet, strange mystery
Of what beyond these things may lie,
And yet remain unseen.
For in his thought he visited
The spots in which, ere dead and damned,
He his wayward life had led;
Yet knew not whence the thoughts were fed
Which thus his fancy crammed.
And these obscure remembrances
Stirred such harmony in Peter,
That, whensoever he should please,
He could speak of rocks and trees
In poetic metre.
For though it was without a sense
Of memory, yet he remembered well
Many a ditch and quick-set fence;
Of lakes he had intelligence,
He knew something of heath and fell.
He had also dim recollections
Of pedlars tramping on their rounds;
Milk-pans and pails; and odd collections
Of saws, and proverbs; and reflections
Old parsons make in burying-grounds.
But Peter's verse was clear, and came
Announcing from the frozen hearth
Of a cold age, that none might tame
The soul of that diviner flame
It augured to the Earth:
Like gentle rains, on the dry plains,
Making that green which late was gray,
Or like the sudden moon, that stains
Some gloomy chamber's window-panes
With a broad light like day.
For language was in Peter's hand
Like clay while he was yet a potter;
And he made songs for all the land,
Sweet both to feel and understand,
As pipkins late to mountain Cotter.
And Mr. -, the bookseller,
Gave twenty pounds for some;then scorning
A footman's yellow coat to wear,
Peter, too proud of heart, I fear,
Instantly gave the Devil warning.
Whereat the Devil took offence,
And swore in his soul a great oath then,
'That for his damned impertinence
He'd bring him to a proper sense
Of what was due to gentlemen!'
PART THE SIXTH
DAMNATION
'O that mine enemy had written
A book!'cried Job:a fearful curse,
If to the Arab, as the Briton,
'Twas galling to be critic-bitten:
The Devil to Peter wished no worse.
When Peter's next new book found vent,
The Devil to all the first Reviews
A copy of it slyly sent,
With five-pound note as compliment,
And this short notice'Pray abuse.'
Then seriatim, month and quarter,
Appeared such mad tirades.One said
'Peter seduced Mrs. Foy's daughter,
Then drowned the mother in Ullswater,
The last thing as he went to bed.'
Another'Let him shave his head!
Where's Dr. Willis?Or is he joking?
What does the rascal mean or hope,
No longer imitating Pope,
In that barbarian Shakespeare poking?'
One more, 'Is incest not enough?
And must there be adultery too?
Grace after meat? Miscreant and Liar!
Thief! Blackguard! Scoundrel! Fool! Hell-fire
Is twenty times too good for you.
'By that last book of yours we think
You've double damned yourself to scorn;
We warned you whilst yet on the brink
You stood. From your black name will shrink
The babe that is unborn.'
All these Reviews the Devil made
Up in a parcel, which he had
Safely to Peter's house conveyed.
For carriage, tenpence Peter paid
Untied themread themwent half mad.
'What!' cried he, 'this is my reward
For nights of thought, and days of toil?
Do poets, but to be abhorred
By men of whom they never heard,
Consume their spirits' oil?
'What have I done to them?and who
Is Mrs. Foy? 'Tis very cruel
To speak of me and Betty so!
Adultery! God defend me! Oh!
I've half a mind to fight a duel.
'Or,' cried he, a grave look collecting,
'Is it my genius, like the moon,
Sets those who stand her face inspecting,
That face within their brain reflecting,
Like a crazed bell-chime, out of tune?'
For Peter did not know the town,
But thought, as country readers do,
For half a guinea or a crown,
He bought oblivion or renown
From God's own voice in a review.
All Peter did on this occasion
Was, writing some sad stuff in prose.
It is a dangerous invasion
When poets criticize; their station
Is to delight, not pose.
The Devil then sent to Leipsic fair
For Born's translation of Kant's book;
A world of words, tail foremost, where
Rightwrongfalsetrueand fouland fair
As in a lottery-wheel are shook.
Five thousand crammed octavo pages
Of German psychologics,he
Who his furor verborum assuages
Thereon, deserves just seven months' wages
More than will e'er be due to me.
I looked on them nine several days,
And then I saw that they were bad;
A friend, too, spoke in their dispraise,
He never read them;with amaze
I found Sir William Drummond had.
When the book came, the Devil sent
It to P. Verbovale, Esquire,
With a brief note of compliment,
By that night's Carlisle mail. It went,
And set his soul on fire.
Fire, which ex luce praebens fumum,
Made him beyond the bottom see
Of truth's clear wellwhen I and you, Ma'am,
Go, as we shall do, subter humum,
We may know more than he.
Now Peter ran to seed in soul
Into a walking paradox;
For he was neither part nor whole,
Nor good, nor badnor knave nor fool;
Among the woods and rocks
Furious he rode, where late he ran,
Lashing and spurring his tame hobby;
Turned to a formal puritan,
A solemn and unsexual man,
He half believed White Obi.
This steed in vision he would ride,
High trotting over nine-inch bridges,
With Flibbertigibbet, imp of pride,
Mocking and mowing by his side
A mad-brained goblin for a guide
Over corn-fields, gates, and hedges.
After these ghastly rides, he came
Home to his heart, and found from thence
Much stolen of its accustomed flame;
His thoughts grew weak, drowsy, and lame
Of their intelligence.
To Peter's view, all seemed one hue;
He was no Whig, he was no Tory;
No Deist and no Christian he;
He got so subtle, that to be
Nothing, was all his glory.
One single point in his belief
From his organization sprung,
The heart-enrooted faith, the chief
Ear in his doctrines' blighted sheaf,
That 'Happiness is wrong';
So thought Calvin and Dominic;
So think their fierce successors, who
Even now would neither stint nor stick
Our flesh from off our bones to pick,
If they might 'do their do.'
His morals thus were undermined:
The old Peterthe hard, old Potter
Was born anew within his mind;
He grew dull, harsh, sly, unrefined,
As when he tramped beside the Otter.
In the death hues of agony
Lambently flashing from a fish,
Now Peter felt amused to see
Shades like a rainbow's rise and flee,
Mixed with a certain hungry wish.
So in his Country's dying face
He lookedand, lovely as she lay,
Seeking in vain his last embrace,
Wailing her own abandoned case,
With hardened sneer he turned away:
And coolly to his own soul said;
'Do you not think that we might make
A poem on her when she's dead:
Or, noa thought is in my head
Her shroud for a new sheet I'll take:
'My wife wants one.Let who will bury
This mangled corpse! And I and you,
My dearest Soul, will then make merry,
As the Prince Regent did with Sherry,'
'Ayand at last desert me too.'
And so his Soul would not be gay,
But moaned within him; like a fawn
Moaning within a cave, it lay
Wounded and wasting, day by day,
Till all its life of life was gone.
As troubled skies stain waters clear,
The storm in Peter's heart and mind
Now made his verses dark and queer:
They were the ghosts of what they were,
Shaking dim grave-clothes in the wind.
For he now raved enormous folly,
Of Baptisms, Sunday-schools, and Graves,
'Twould make George Colman melancholy
To have heard him, like a male Molly,
Chanting those stupid staves.
Yet the Reviews, who heaped abuse
On Peter while he wrote for freedom,
So soon as in his song they spy
The folly which soothes tyranny,
Praise him, for those who feed 'em.
'He was a man, too great to scan;
A planet lost in truth's keen rays:
His virtue, awful and prodigious;
He was the most sublime, religious,
Pure-minded Poet of these days.'
As soon as he read that, cried Peter,
'Eureka! I have found the way
To make a better thing of metre
Than e'er was made by living creature
Up to this blessd day.'
Then Peter wrote odes to the Devil;
In one of which he meekly said:
'May Carnage and Slaughter,
Thy niece and thy daughter,
May Rapine and Famine,
Thy gorge ever cramming,
Glut thee with living and dead!
  'May Death and Damnation,
And Consternation,
Flit up from Hell with pure intent!
Slash them at Manchester,
Glasgow, Leeds, and Chester;
Drench all with blood from Avon to Trent.
'Let thy body-guard yeomen
Hew down babes and women,
And laugh with bold triumph till Heaven be rent!
When Moloch in Jewry
Munched children with fury,
It was thou, Devil, dining with pure intent.'
PART THE SEVENTH
DOUBLE DAMNATION
The Devil now knew his proper cue.
Soon as he read the ode, he drove
To his friend Lord MacMurderchouse's,
A man of interest in both houses,
And said:'For money or for love,
'Pray find some cure or sinecure;
To feed from the superfluous taxes
A friend of oursa poetfewer
Have fluttered tamer to the lure
Than he.' His lordship stands and racks his
Stupid brains, while one might count
As many beads as he had boroughs,
At length replies; from his mean front,
Like one who rubs out an account,
Smoothing away the unmeaning furrows:
'It happens fortunately, dear Sir,
I can. I hope I need require
No pledge from you, that he will stir
In our affairs;like Oliver,
That he'll be worthy of his hire.'
These words exchanged, the news sent off
To Peter, home the Devil hied,
Took to his bed; he had no cough,
No doctor,meat and drink enough,
Yet that same night he died.
The Devil's corpse was leaded down;
His decent heirs enjoyed his pelf,
Mourning-coaches, many a one,
Followed his hearse along the town:
Where was the Devil himself?
When Peter heard of his promotion,
His eyes grew like two stars for bliss:
There was a bow of sleek devotion
Engendering in his back; each motion
Seemed a Lord's shoe to kiss.
He hired a house, bought plate, and made
A genteel drive up to his door,
With sifted gravel neatly laid,
As if defying all who said,
Peter was ever poor.
But a disease soon struck into
The very life and soul of Peter
He walked aboutslepthad the hue
Of health upon his cheeksand few
Dug betternone a heartier eater.
And yet a strange and horrid curse
Clung upon Peter, night and day;
Month after month the thing grew worse,
And deadlier than in this my verse
I can find strength to say.
Peter was dullhe was at first
Dulloh, so dullso very dull!
Whether he talked, wrote, or rehearsed
Still with this dulness was he cursed
Dullbeyond all conceptiondull.
No one could read his booksno mortal,
But a few natural friends, would hear him;
The parson came not near his portal;
His state was like that of the immortal
Described by Swiftno man could bear him.
His sister, wife, and children yawned,
With a long, slow, and drear ennui,
All human patience far beyond;
Their hopes of Heaven each would have pawned,
Anywhere else to be.
But in his verse, and in his prose,
The essence of his dulness was
Concentred and compressed so close,
'Twould have made Guatimozin doze
On his red gridiron of brass.
A printer's boy, folding those pages,
Fell slumbrously upon one side;
Like those famed Seven who slept three ages.
To wakeful frenzy's vigil-rages,
As opiates, were the same applied.
Even the Reviewers who were hired
To do the work of his reviewing,
With adamantine nerves, grew tired;
Gaping and torpid they retired,
To dream of what they should be doing.
And worse and worse, the drowsy curse
Yawned in him, till it grew a pest
A wide contagious atmosphere,
Creeping like cold through all things near;
A power to infect and to infest.
His servant-maids and dogs grew dull;
His kitten, late a sportive elf;
The woods and lakes, so beautiful,
Of dim stupidity were full,
All grew dull as Peter's self.
The earth under his feetthe springs,
Which lived within it a quick life,
The air, the winds of many wings,
That fan it with new murmurings,
Were dead to their harmonious strife.
The birds and beasts within the wood,
The insects, and each creeping thing,
Were now a silent multitude;
Love's work was left unwroughtno brood
Near Peter's house took wing.
And every neighbouring cottager
Stupidly yawned upon the other:
No jackass brayed; no little cur
Cocked up his ears;no man would stir
To save a dying mother.
Yet all from that charmed district went
But some half-idiot and half-knave,
Who rather than pay any rent,
Would live with marvellous content,
Over his father's grave.
No bailiff dared within that space,
For fear of the dull charm, to enter;
A man would bear upon his face,
For fifteen months in any case,
The yawn of such a venture.
Seven miles abovebelowaround
This pest of dulness holds its sway;
A ghastly life without a sound;
To Peter's soul the spell is bound
How should it ever pass away?
'Composed at Florence, October 1819, and forwarded to Hunt (Nov. 2) to be published by C. & J. Ollier without the author's name; ultimately printed by Mrs. Shelley in the second edition of the Poetical Works, 1839. A skit by John Hamilton Reynolds, Peter Bell, A Lyrical Ballad, had already appeared (April, 1819), a few days before the publication of Wordsworth's Peter Bell, A Tale. These productions were reviewed in Leigh Hunt's Examiner (April 26, May 3, 1819); and to the entertainment derived from his perusal of Hunt's criticisms the composition of Shelley's Peter Bell the Third is chiefly owing.' ~ Percy Bysshe Shelley, Peter Bell The Third


IN CHAPTERS









WORDNET


































IN WEBGEN [10000/79]

https://www.goodreads.com/author/show/3863064.Tree_of_Life_Cafe
https://religion.wikia.org/wiki/File:Tree_of_Life,_Medieval.jpg
https://religion.wikia.org/wiki/Talk:Tree_of_life_(Judeo-Christian)
https://religion.wikia.org/wiki/Tree_of_Life
https://religion.wikia.org/wiki/Tree_of_life
https://religion.wikia.org/wiki/Tree_of_life_(Judeo-Christian)
https://religion.wikia.org/wiki/Tree_of_life_(Judeo-Christian)#Analysis
https://religion.wikia.org/wiki/Tree_of_life_(Judeo-Christian)#Eastern_Christianity
https://religion.wikia.org/wiki/Tree_of_life_(Judeo-Christian)#External_links
https://religion.wikia.org/wiki/Tree_of_life_(Judeo-Christian)#Jewish_and_Non-Jewish_views
https://religion.wikia.org/wiki/Tree_of_life_(Judeo-Christian)#Mormons_.28Latter_Day_Saints.29
https://religion.wikia.org/wiki/Tree_of_life_(Judeo-Christian)#References
https://religion.wikia.org/wiki/Tree_of_life_(Judeo-Christian)#See_also
https://religion.wikia.org/wiki/Tree_of_life_(Judeo-Christian)#Western_Christianity
https://religion.wikia.org/wiki/Tree_of_Life_(mythology)
dedroidify.blogspot - daily-dedroidify-kabbalah-tree-of-life
dedroidify.blogspot - today-is-tree-of-life-tarot-paths
https://esotericotherworlds.blogspot.com/2012/11/cabala-forbidden-fruit-of-tree-of-life.html
https://en.wikiquote.org/wiki/File:Persian_Kermanshah_%27Tree_of_Life%27_(4-6_x_7-8,_ca_3rd_quarter_19th_century).jpg
https://en.wikiquote.org/wiki/File:Tree_of_Life_2009_large.png
https://en.wikiquote.org/wiki/File:Tree-of-Life_Flower-of-Life_Stage.jpg
Wikipedia - Beri'ah -- Second of the four celestial worlds in the Tree of Life of the Kabbalah
Wikipedia - Binah (Kabbalah) -- Third sephira on the kabbalistic Tree of Life
Wikipedia - Da'at -- The location where all ten sefirot in the Tree of Life are united as one
Wikipedia - Etz Chaim -- Tree of Life in Hebrew
Wikipedia - Keter -- Topmost of the Sephirot of the Tree of Life in Kabbalah
Wikipedia - List of accolades received by The Tree of Life (film) -- Wikipedia list article
Wikipedia - Malkuth -- Tenth of the sephirot in the Kabbalistic Tree of Life
Wikipedia - Open Tree of Life -- Online phylogenetic tree of life
Wikipedia - The Tree of Life (film) -- 2011 American experimental drama film directed by Terrence Malick
Wikipedia - The Tree of Life, Stoclet Frieze
Wikipedia - Tiferet -- Sixth sefira in the kabbalistic Tree of Life
Wikipedia - Tree of Life (Bahrain)
Wikipedia - Tree of life (biblical) -- Tree first described in chapter 2, verse 9 of Genesis
Wikipedia - Tree of life (biology) -- Metaphor of relationships between species of organisms
Wikipedia - Tree of Life (craft)
Wikipedia - Tree of life (disambiguation)
Wikipedia - Tree of Life (Disney)
Wikipedia - Tree of life (Kabbalah) -- Diagram used in various mystical traditions
Wikipedia - Tree of life (Quran) -- Tree of life motif in the Quran
Wikipedia - Tree of life vision
Wikipedia - Tree of Life Web Project -- Internet project providing information about the diversity and phylogeny of life
Wikipedia - Tree of Life
Wikipedia - Tree of life
Wikipedia - tree of Life
Wikipedia - Wikipedia:WikiProject Tree of Life/Taxobox task force -- Wikimedia subject-area collaboration
Wikipedia - Wikipedia:WikiProject Tree of Life -- Wikimedia subject-area collaboration
Wikipedia - Woeseian revolution -- Progression of the phylogenetic tree of life from two main divisions, known as the Prokarya and Eukarya, into three domains now classified as Bacteria, Archaea, and Eukaryotes
The Tree of Life (2011) ::: 6.8/10 -- PG-13 | 2h 19min | Drama, Fantasy | 17 May 2011 (France) -- The story of a family in Waco, Texas in 1956. The eldest son witnesses the loss of innocence and struggles with his parents' conflicting teachings. Director: Terrence Malick Writer:
https://biomutant.fandom.com/wiki/Tree-of-Life
https://darksiders.fandom.com/wiki/Tree_of_Life_and_Death
https://dnd4.fandom.com/wiki/Tree_of_life
https://forgottenrealms.fandom.com/wiki/Tree_of_Life
https://lionking.fandom.com/wiki/Tree_of_Life
https://memory-beta.fandom.com/wiki/The_Tree_of_Life,_the_Branches_of_Heaven
https://starwars.fandom.com/wiki/Tree_of_Life/Legends
https://tardis.fandom.com/wiki/The_Tree_of_Life_(novel)
https://virtualvillagerswiki.fandom.com/wiki/Virtual_Villagers_4:_The_Tree_of_Life
https://commons.wikimedia.org/wiki/Commons:WikiProject_Tree_of_Life
https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Qabalistic_Tree_of_Life_Unlabelled.png
https://commons.wikimedia.org/wiki/File:The_tree_of_life._the_Christian_LCCN2002697363.jpg
Bradford Tree of Life Synagogue
Charles Darwin and the Tree of Life
The Tree of Life (Cecil Taylor album)
The Tree of Life (film)
The Tree of Life (module)
The Tree of Life (soundtrack)
The Tree of Life (TV series)
Tree of life
Tree of Life (album)
Tree of Life (Bahrain)
Tree of life (biblical)
Tree of life (biology)
Tree of Life (Disney)
Tree of life (Kabbalah)
Tree of Life Or L'Simcha Congregation
Tree of life vision
Tree of Life Web Project
Wikipedia talk:WikiProject Tree of Life/Archive 41


change font "color":
change "background-color":
change "font-family":
change "padding":
change "table font size":
last updated: 2021-08-18 15:21:27
383062 site hits